Elite: 5 motivi per guardare la nuova serie spagnola Netflix

di Elisa Baroni
elite

Elite, la nuova serie spagnola Netflix, sta appassionando moltissimo il pubblico (scopri la trama qui). La serie teen mistery deve il suo successo a molti fattori. La trama per niente scontata, la psicologia dei personaggi, il cast e la scenggiatura. Ecco 5 motivi per guardarla.

1. Il mistero e la suspense. Elite è una serie adolescenziale con una trama thriller che si rivela intrigante fin dal primo episodio. Il cadavere di una delle protagoniste viene infatti ritrovato vicino alla piscina della scuola nel finale della premiere. Da quel momento tutti sono sospettati. In molti avrebbero avuto un motivo per ucciderla. Ogni episodio rivela un indizio che tiene il telespettatore incollato allo schermo con una domanda: Chi l’avrà uccisa?

2. La lotta di classe e il potere del denaro. Las Encinas è una scuola in cui si forma “la classe dirigente del futuro”. L’equilibrio è sconvolto dall’arrivo di tre ragazzi della periferia, della classe medio-bassa. Ecco allora che si scoprono i pregiudizi, le prese in giro ma che si creano anche legami di amicizia. Sullo sfondo però non si dimentica che spesso il denaro è in grado di comprare il silenzo delle persone o di manipolarle.

3. Il cast e la psicologia dei personaggi. Il cast è formato da attori giovani alcuni giovanissimi come Ester Exposito (l’interprete di Carla). Quasi nessuno è all’esordio e anzi alcuni come Jaime Lorente, Maria Pedraza e Miguel Herran sono diventati famosi grazie a La casa di carta. Ciò che rende questa serie molto appassionante è anche il cambiamento della psicologia e la crescita personale di molti personaggi. Quasi nessuno nell’ultimo episodio è uguale alla persona che ci era stata descritta nel primo.

4. Le musiche e la sceneggiatura. Elite è una serie teen e questo nella mente di molte persone è sinonimo di serie scadente o poco curata. In questo caso è esattamente il contrario la sceneggiatura è molto curata così come le musiche (scopri il soundtrack qui).

5. Il realismo dei temi affrontati. Omosessualità, lotta di classe, islamofobia, AIDS sono i temi maggiormente affrontati nella serie. Temi che non vengono affrontati in modo stereotipato. La serie invita a una riflessione profonda sulla diversità. Emblematico è il caso di Marina che è affetta da HIV una malattia spesso associata a poveri o gay. Dopo l’ultimo episodio di Elite ci si chiede ma ricchi e poveri nel profondo e nei drammi sono poi così diversi?

E voi, avete già guardato Elite, la nuova serie spagnola Netflix?

Articoli Correlati