The Mandalorian: Gina Carano licenziata per i suoi post razzisti e filo-Trump

di Federica Marcucci

Ci sarà aria di cambiamento sul set di The Mandalorian. Un portavoce della Lucasfilm ha infatti fatto sapere che Gina Carano, che nella serie interpreta Cara Dune, è stata licenziata. La causa è legata a contenuti postati dall’attrice sui suoi profili social, troppo spesso legati a posizioni politiche estreme e a dichiarazioni al limite del razzismo.

Clicca qui per abbonarti a Disney Plus e guardare The Mandal0rian!

The Mandalorian

 

Queste le parole con cui Lucasfilm ha commentato i fatti:

Gina Carano non è attualmente impiegata da Lucasfilm e non ci sono piani per lei in futuro. Tuttavia, i suoi post sui social media che denigrano le persone in base alle loro identità culturali e religiose sono abominevoli e inaccettabili“.

Ma non solo, la Carano ha più volte espresso pareri legati a teorie negazioniste e anti Coronavirus. Un atteggiamento inaccettabile e irrispettoso vista l’emergenza pandemica mondiale.

Il licenziamento è scattato a seguito di un comportamento reiterato nel tempo. Insomma, la famosa goccia che ha fatto traboccare il vaso. Sembra infatti che la Disney avesse ammonito Gina Carano più volte, consapevole di quanto il suo personaggio fosse amato dai fan.

Chi segue The Mandalorian sa infatti quanto Cara Dune sia una donna che incarna valori positivi e dunque in netto contrasto con quanto la sua controparte reale, Gina Carano, dice di sostenere. Gli stessi fan, solitamente protettitivi nei confronti di Star Wars, si erano mobilitati nei mesi scorsi con una petizione al grido dell’hashtag #FireGinaCarano a riprova del fatto che gli atteggiamenti dell’attrice erano duri da digerire un po’ da tutti.

A poche ore dalla notizia del licenziamento dell’attrice anche lo stesso Pedro Pascal ha smesso di seguire Gina Carano dai social. Un gesto che ci fa capire quanto il Mandaloriano mantenesse con la collega un rapporto di facciata.

Questo uno dei post condivisi da Gina Carano tempo fa:

Articoli Correlati