Sierra Burgess è una sfigata: recensione del film con Shannon Purser e Noah Centineo

di Paola Pirotti
Sierra Burgess è una sfigata

Sierra Burgess è una sfigata. Non è un terribile commento, bensì il titolo della nuova attesa teen comedy di Netflix.
Da oggi è online sulla piattaforma streaming più famosa dell mondo il film di Ian Samuels con protagonisti Shannon Purser e Noah Centineo. La prima è l’ex-star di Stranger Things e Riverdale, mentre il secondo è recentemente sulla bocca di tutti grazie al successo di Tutte le volte che ho scritto ti amo.

Una sfigata. Una cheerleader. Un bravo ragazzo. Di regola si tratterebbe del classico teen movie in cui la sfigata e la cheerleader litigano durante tutto film facendosi cattiverie a vicenda – ma in Sierra Burgess è una sfigata la situazione è diversa.
La sfigata e la cheerleader, infatti, trovano un’insolita intesa a causa di uno scambio d’identità.

La storia, non a caso, è una rivisitazione in chiave moderna (e con una protagonista femminile) del Cyrano de Bergerac. Sierra Burgess (la brillante Shannon Purser) è un adolescente che non rispecchia gli standard di bellezza della società ed è dunque considerata “una sfigata”. Quando la ragazza più popolare della scuola, la perfetta Veronica (un incantevole e emergente Kristine Froseth), da il suo numero ad un ragazzo per dispetto, Sierra si ritrova ad intraprendere una sorta di relazione sui social con il dolcissimo Jamey (Noah Centineo).

Il problema è che Jamey crede di parlare con Veronica. Sarà proprio a causa di quest’equivoco che tra Sierra e Veronica nascerà l’amicizia e la complicità di due grandi amiche. I guai, ovviamente, sono dietro l’angolo.

SIERRA BURGESS è una sfigata

Sierra Burgess è una sfigata non è il teen movie che segnerà la storia dei teen movie. Non è particolarmente originale, né indimenticabile, eppure ha qualcosa che vale la pena apprezzare. È la storia di un’amicizia. La storia di come un’amicizia fa superare a due adolescenti le proprie paure e le proprie insicurezze. Le pressioni dei genitori, gli amici e si, anche il primo amore. Le protagoniste hanno più di un’idea che potrebbe far storcere il naso, ed in fin dei conti è quello che ci ricorda quanto siano giovani e impulsive. Ma sono legate da un unico filo: che cos’è l’apparenza? Cosa perdiamo quando ci nascondiamo dietro al nostro aspetto e al nostro comportamento?

Un punto certamente a favore della storia è che Sierra Burgess non è una modella, ma non perde tempo a cambiare il suo aspetto. Non è quello il punto, infatti.  Il film, questo è certo, poteva gestire meglio delle scelte narrative (come ad esempio il primo bacio e il dispetto di Sierra a Veronica) e tentare delle strade più originali. Nonostante questo, Sierra Burgess è una sfigata soddisferà chi non pretende nulla di più di quello che è: una teen comedy a tutti gli effetti.

Una certezza, però, c’è: il film di Netflix conferma che Noah Centineo è la nuova star delle commedie romantiche. In quel viso adorabile e gentile si incarna il ragazzo d’oro che John Hughes (padre dei teen movie) avrebbe adorato.

Perché non bisogna mai dimenticare che i teen movie non fanno parte di una categoria inferiore del mondo del cinema, ma esprimono e rappresentano i disagi, le pressioni e le passioni, le fantasie e il potere dell’essere giovani.

E voi avete già visto Sierra Burgess è una sfigata?

Articoli Correlati