Glee: riassunto episodio 2×18, Born This Way

di Laura Boni

Il momento tanto atteso è arrivato. Il Glee Club è tonato a rendere omaggio a Miss Lady Gaga: è andato in onda ieri sera l’episodio speciale di 90 minuti  2×18 – Born This Way, tutto dedicato all’auto-accettazione e all’amore per se stessi. I produttori di Glee usano la popolare canzone come spunto per parlare ai ragazzi della pressione della perfezione e, sopratutto di come imparare ad amare se stessi e le proprie debolezze…tutto in stile Glee, ovviamente. Il telefilm, che durante la seconda stagione a dedicato tanti episodi al tema del bullismo, si mostra ancora una volta attento alle problematiche giovanili, affrontandole con semplicità e senza cadere nello stucchevole.

Episodio 2×18 – Born This Way:

Le nazionali sono vicine e, se le voci delle Nuove Direzioni sono imbattibili, non si può dire lo stesso per le loro abilità come ballerini; il professor Schuster (Matthew Morrison) corre ai ripari con intense sessioni di danza, ma l’imbranato Finn (Cory Monteith) colpisce Rachel (Lea Michele) durante le prove rompendole il naso. In ospedale il, diciamocelo, poco sensibile dottore le suggerisce di fruttare l’operazione per farsi una plastica al naso, insinuandole dubbi riguardo il suo aspetto. Il Glee Club si confronta sul tema e Santana suggerisce che chiunque abbia dei difetti fisici debba conformali alle indicazioni della società con la chirurgia estetica. Mr Schu è spaventato dall’idea che i ragazzi non accettino loro stessi e che la loro insicurezza li fermi dal mostrare le loro migliori qualità; così decide di parlare ai ragazzi dell’accettazione di se stessi attraverso le canzoni di Lady Gaga. Compito della settimana è cantare una canzone che esprima l’accettazione personale e una performance di gruppo di Born This Way: ognuno di loro indosserà una maglietta con scritto sopra la cosa che di loro stessi che li imbarazza di più ma che non possono fare altro che accettare perchè sono “nati così”. Alla Mc Kinley è tempo di Prom, il che significa che la sfida per diventare reginetta è iniziata: Quinn (Dianna Agron) punta sulla coppia vincente che forma con Finn e Santana (Naya Rivera) è in cerca del partner perfetto per annientare la competizione; la ex Cheerleader decide di voler essere la persona che fa in modo che Kurt torni a scuola per diventare l’eroina del Glee Club e vincere i loro voti. Il sogno di diventare reginetta influenza anche Lauren (Ashley Fink) e Puck le asicura che insieme vinceranno il titolo. Quinn accompagna Rachel dal chirurgo plastico perchè lei vorrebbe il naso come l’aspirante reginetta e le due sono coinvolte per la prima volta in un bellissimo duetto creato dal mash-up di due canzoni che parlano di bellezza esteriore: I feel Pretty, tratto dal muscical West Side Story e Unpretty delle TLC. Quello che sta facendo Quinn, però, non piace a Finn che la accusa di star minando la fiducia di Rachel in se stessa e facendo così l’opposto di quello chiesto da Mr Schu. Il piano di Santana ha inizio: affronta Dave Karofsky (Max Adler) riguardo la sua omosessualità e gli offre una copertura partecipando insieme alla corsa per diventare re e regina del ballo, con la minaccia che se non accetta, lei confesserrà a tutti il suo segreto.

Look like Her:

Rachel mostra al Glee Club la foto dell’operazione che vorrebbe fare, ma i ragazzi cercano di convincerla a rinunciare dicendole che è bellissima nel modo in cui è, ma niente sembra riuscire a convincerla. Emma ha deciso di aiutare Will nel su progetto con le Nuove Direzioni ma quando arriva il momento per lei di ammettere la sua debolezza, non  sincera; il professor Schu, allora, cerca di convincela ad affrntare per la prima volta il suo problema. La professoressa fà un passo in quella direzione facendosi aiutare da una professionista. Seguendo il piano di Santana, Karofsky chiede pubblicamente scusa al Glee Club e a Kurt (Chris Colfer), confessando che prova vergogna per quello che ha fatto e che Santata l’ha aiutato a capire i suoi errori e nel mentre si sono, guarda caso, innamorati e hanno fondato un Club anti-bullismo per fare in modo che Kurt si senta sicuro di tornare al McKinley senza ripercussioni. Il preside sembra aver preduto nel cambiamento, ma il padre di Kurt ha dei dubbi; il figlio chiede a Karofsky la verità e lui gli confessa il piano di Santana, così Kurt gli propone di non confessare niente se gli promette che inizierà un periodo di pace e accetazione per tutti. Kurt is officially Back! ma non prima di un commovente  addio canoro da parte di Blaine (Darren Criss) e degli Usignoli. Lo scontro tra reginette, raggiunge l’apice quando Lauren rivela a Quinn (e a tutta la scuola) di aver scoperto il suo segreto; la bella della scuola, il cui vero nome è Lucy, era una volta un brutto anatroccolo che veniva presa in giro per il suo aspetto finchè grazie allo sport e al chirurgo plastico non si è trasformata in un cigno. Ma la verità su Quinn non fà altro che aumentare la popolarità della ragazza. Dopo i tentativi falliti di Finn e Puck (Mark Salling) di far cambiare idea a Rachel riguardo l’operazione, intervine Kurt ricordandole l’esempio di Barbra Streisand, che per tutta la sua carriera ha combattutto contro gli stereotipi e non ha voluto cambiare se stessa per il successo e se le parole non bastano, un bel Flash mob al centro commerciale sul tormentone di Duck Sauce sulla cantante, si! Finalmente arriva il momento di Born This Way e tutto il Glee Club, meno Santana, si esibiscono in una spettacolare versione della canzone di Lady Gaga con le loro magliette con scritto la debolezza che sono riusciti ad accettare.

Canzoni di questo episodio:

Rachel e Quinn – Mash up I feel Pretty (dal musical West Side Stoty) / Unpretty (TLC)
Blaine e gli Usignoli – Somewhere only we Know (Keane)
Kurt – As If We Never Said Goodbye (dal musical Sunset Boulevard)
Glee Club – Born This Way (Lady Gaga)
Guarda il recap dell’Born This Way:

Articoli Correlati