Ghali: audio e testo di Oggi no

di Alberto Muraro

Il grande giorno per Ghali è arrivato: quest’oggi, venerdì 26 maggio, il rapper tunisimo naturalizzato milanese pubblica il suo primo, vero disco intitolato semplicemente “Album”, un progetto discografico bellissimo e ambizioso che segnerà un punto di svolta per il rap italiano.

Le regole del gioco sembrano infatti ormai cambiate, così come i gusti del pubblico: quello che va adesso è la trap, e Ghali (insieme a colleghi del calibro di Sfera Ebbasta e il suo producer Charlie Charles) ne è uno dei massimi esponenti. Questo “nuovo” genere (si fa per dire) è infatti diventato il nuovo punto di riferimento per i giovani italiani, che mandano perennemente pezzi di questo tipo in cima alle classifiche di iTunes e, soprattutto, di Spotify.

In effetti, è proprio grazie a Spotify che Ghali è riuscito a farsi conoscere dal grande pubblico, forte di un successo a dir poco straordinario che l’ha portato a sfondare qualunque record di streaming grazie a brani come Ninna Nanna o Pizza Kebab.

 

Qui sotto trovate audio e testo di Oggi no di Ghali: che ne pensate?

 

 

Testo

[Strofa 1] Cash nel salvadanaio
Happy Days passa in radio
Boulevard paga il notaio
È sold out il mio armadio
Sto nel vocabolario
Sto records è il mio bario
Cavalco l’hype come con la mountain bike
Io e i miei amici, qua, sembriamo Jackson Five
Nelle metro e sugli sdrai facciamo sempre freestyle
“Ciak, si gira”, video online
La tua etichetta sta creando un Frankenstein
Non avere gli occhi rossi se mi vedi in homepage
Che io c’ho gli occhi e sono perso nel gate
Da una stalla a una stella tutta sopra uno skate
Ehi, quanto amo questo rap

[Ritornello] Oggi no
Io non posso scendere
Il mio nome dice già che il disco deve vendere
Mille mila copie non possono apprendere
Devo ancora scrivere un bel po
Mille mila storie, woo ohh
Woo uh woo ohh
Woo uhh ohh

[Strofa 2] E quante cose cambiano
Le compagnie si sfaldano
Le interviste chiamano e i fan cantano in arabo
Nota di classe, saltavamo la verifica
Mai stati primi in classe ma siamo primi in classifica
Super-mega-ultra che storia
Tolgo il microfono a chi canta “Vittoria”
Fumo e vado in paranoia e dimentico i testi
Ma questi li sanno a memoria
“Dopo (?) settembre?”
Mmhhh, farmi la patente
In metro troppa gente, smettere di fumar per sempre
“Ma il disco dici che vende”
Mmhhh, dipende
“Cosa?”
Dipende
“Da cosa?”
Dipende

[Ritornello] Oggi no
Io non posso scendere
Il mio nome di che il disco deve vendere
Mille mila copie non possono apprendere
Devo ancora scrivere un bel po
Mille mila storie, woo ohh
Woo uh woo ohh
Woo ohh

fonte testo Genius

Articoli Correlati