C’era una volta… a Hollywood: la recensione del film

di Federica Marcucci

Crepuscolare, nostalgico, ma allo stesso tempo luminoso come i colori della California, C’era una volta… a Hollywood è la persona lettera d’amore di Quentin Tarantino a un’epoca non troppo lontana ma già mitica. Nella Los Angeles del 1969 si intrecciano le vicende di due amici, un attore in declino e il suo stuntman, quelle della bella e talentuosa Sharon Tate – da poco trasferita in città ma anche quelle di tanti altri personaggi, simbolo di un’America che sta perdendo la propria innocenza.

Gli echi della Summer of Love sono lontani infatti e la violenza si nasconde dietro i volti di giovani insospettabili; quasi a voler ricordare quello che sarebbe successo di lì a poco in Vietnam e nella stessa America. Anche il mondo del cinema, sofferente a causa della popolarità della tv, è cambiato e soffre di una crisi creativa che si riflette sui protagonisti.

C’era una volta… a Hollywood non è dunque solo la storia dei personaggi di Tarantino, ma un affresco più ampio che vuole raccontare uno spaccato culturale di un paese, all’alba della grande rivoluzione cinematografica che sarebbe avvenuta dopo poco tempo: la New Hollywood. Ma questa è un’altra storia.

La storia di Tarantino è un’altra. Come al solito il regista ci racconta la vita dei “senza gloria”: di antieroi che, nonostante tutto, non soccombono alle disillusioni dilaganti. Nemmeno alla memoria della storia – un po’ come era accaduto per Django Unchained.

Come ha detto il regista stesso, “il cinema non potrà cambiare la realtà, ma di certo può influenzarla” e di questo siamo certi anche noi. Il film è già uscito negli USA, dove sta registrando un esordio pazzesco al box office, ma arriverà da noi solo il 18 settembre. Merito anche del cast: la coppia Leonardo DiCaprio-Brad Pitt, perfetti per rappresentare un rapporto di amicizia fraterna, è scoppiettante. Margot Robbie è perfetta per vestire rispettosamente i panni dell’iconica Sharon Tate.

Se siete digiuni di cultura pop americana potreste avere qualche difficoltà nel cogliere i tanti richiami presenti nel film – perché ce ne sono veramente moltissimi. Perciò nel frattempo vi consigliamo di dare uno sguardo alla lista dei 10 film che hanno ispirato C’era una volta… a Hollywood e di rileggere qualche riga di cronaca e storia di quel periodo. Ne varrà la pena.

Andrete a vedere C’era una volta… a Hollywood al cinema?

Articoli Correlati