La casa di carta 5: Riprese quasi al via tra regole stringenti e ritmi più lenti

di Elisa Baroni
la casa di carta

La quinta stagione de La casa di carta è ormai confermata da mesi (scopri il finale della quarta qui). Il lockdown e le nuove regole hanno interrotto molte riprese ma piano piano e con molte difficoltà anche sui set cast e troupe stanno ricominciando. Tra le produzioni pronte a ripartire c’è anche la serie spagnola. Alvaro Morte ha parlato delle difficoltà sul set. Ecco cosa ha detto

L’inizio delle riprese de La casa di carta 5 è previsto per le prossime settimane. Ci hanno avvisato che tutto sarà molto più complicato, ha raccontato Alvaro Morte in un’intervista a Fotogramas. Le misure di sicurezza avranno un peso importante sullo sviluppo delle giornate e spero davvero che tutto questo sia temporaneo. Spero che prima o poi potremmo tornare a lavorare e a fare le cose come prima. Non dico solo sul set e nelle riprese ma anche nella vita in generale. Personalmente, penso sia terribile quando incontro qualcuno non poterlo abbracciare ma al massimo dargli il gomito. Ritmi dilatati, produzioni più e regole stringenti sul set sono sicuramente da tener presente per le produzioni di questo periodo.

Un passo verso la normalità e un ritorno sui set sono sicuramente qualcosa di positivo ma non facile o normale. Ne La casa di carta 5 la banda dovrà superare il trauma per la morte di Nairobi e contemporaneamente cercare di scappare. Alicia Sierra ha scovato il professore che sembra in trappola. Si salverà? Manila avrà un ruolo più centrale? Palermo avrà qualche nuovo momento di follia? Helsinki perderà qualche altro caro? Rio riuscirà a gestire il suo disturbo post-traumatico o crollerà? Stoccolma e Denver sono al capolinea? Sarà Marsiglia a salvare il professore come all’inizio di questa stagione? Tante domande che meritano una risposta anche se arriverà forse tra molto tempo.

E voi, cosa vi aspettate dalla quinta parte de La casa di carta?

Articoli Correlati