Kylie Jenner Challenge: quando conformarsi è non cool

di Francesca Parravicini

Non so se seguite le mirabolanti vicende delle sorelle Kardashian (io personalmente ho perso il conto di quante siano). Se la risposta è positiva o se semplicemente avete una connessione internet e non vivete in una grotta, saprete bene chi è Kylie Jenner. La piccola di casa Kardashian/Jenner sta facendo molto parlare di sé soprattutto per l’aspetto fisico.
Da ragazza più o meno acqua e sapone Kylie sta assumendo sempre di più le fattezze della sorellastra Kim, imitandone i look (mondieu) e l’aspetto. In particolare sono state le sue labbra a finire sotto i riflettori. Ultimamente sono apparse molto più gonfie rispetto al solito. E se qualcuno maligna il ricorso a ritocchini, la diretta interessata nega e sostiene che sia tutto merito di make-up e contouring.

Fatto sta che, le labbra alla Kylie Jenner sono diventate una vera e propria ossessione per i tween/teen di internet, che hanno lanciato una scellerata moda chiamata Kylie Jenner Challenge.

In cosa consiste questa prova? Bisogna appoggiare un bicchiere o una bottiglia sulle labbra e aspirare l’aria fino a che le labbra si gonfiano diventando come quello di Kylie. Un “gioco” che è estremamente rischioso, poiché le labbra sono un punto delicato in cui convergono molti vasi sanguigni e capillari e si rischia di alterare la circolazione sanguigna, provocando lividi e gonfiori. E anche in questi casi, le foto vengono comunque pubblicate sul web, della serie “basta apparire”.

Ora viene da chiedersi il perché di tutto ciò. Perché imitare una ragazza che in fondo non ha particolari doti o meriti ma è semplicemente famosa per un reality show? E poi: quale modello estetico propone? Kylie ha soltanto 17 anni ma assomiglia davvero a una versione rimpicciolita della sorella Kim, che ha cambiato completamente il suo aspetto per un presunto ideale di perfezione. Occhi grandi, viso senza rughe, labbra carnose, seno e fianchi larghi, vita strettissima: una bambola insomma. Molto lontana dalla realtà.

Parlando della Challenge Kylie ha scritto su Twitter: “non sono qui per incoraggiare le persone ad assomigliare a me o a prendermi a modello. Voglio che le ragazze siano loro stesse e non abbiano paura di sperimentare con il look“.

Forse Kylie non sa che anche i corpi parlano e lanciano segnali. Per una ragazzina questo bombardamento di immagini perfette e irrealistiche può diventare un macigno, che crea insicurezze e spinge a cercare di cambiarsi, spesso in modo sbagliato.

Forse sarebbe ora che queste baby-star abbracciassero un po’ di normalità: farebbe bene a loro e ai loro followers.

Cosa ne pensate della Kylie Jenner Challenge?

Articoli Correlati