Jacob Elordi “Come sono diventato Nate di Euphoria”

di Federica Marcucci

Dimenticatevi The Kissing Booth, a cui lui non sembra essere neanche troppo affezionato, Jacob Elordi ha ormai intrapreso una nuova sfida grazie al personaggio di Nate in Euphoria. La serie targata HBO è in corso dallo scorso 16 giugno negli USA (da noi arriverà in autunno) e si concentra sulle vicende di un gruppo di adolescenti alle prese con i problemi dei liceali, qui raccontati senza filtri. In Euphoria si parla d’amore e amicizia, ma anche traumi, identità e sessualità.

Nella serie Jacob Elordi interpreta Nate un tipo complesso che ha scelto di raccontare in un’intervista a THR. In particolare l’attore ha parlato del suo primo approccio con la sceneggiatura come inaspettato; sin da subito Euphoria aveva qualcosa di unico che ha colpito il giovane attore – molto consapevole sul fatto che un professionista della sua età non è ancora nella posizione di poter rifiutare troppe offerte di lavoro.

Mentre leggevo la scena della cucina la vedevo anche nella mia testa. È una specie di sogno per un attore e ho sperato di poter rendere giustizia alla sceneggiatura con un’interpretazione dello stesso livello.

Queste le parole con cui Jacob Elordi parla della scena del coltello, la stessa grazie a cui ha ottenuto la parte di Nate. Ancora oggi l’attore ci tiene a spiegare quanto sia stato bello per lui poter tirare fuori un’interpretazione così forte, qualcosa che prima di allora non aveva mai potuto fare nel lavoro.

Non a caso Jacob è convinto che Euphoria non sia stata una serie impegnativa soltanto da girare, ma anche che lo sia anche per gli spettatori. Guardando la serie è infatti facilmente intuibile quanta passione abbia messo Jacob nel suo lavoro, interpretando il ruolo di Nate per ben un anno della sua vita.

E voi che cosa ne pensate del personaggio di Jacob Elordi in Euphoria? Avete già iniziato a vedere la serie?

Articoli Correlati