Ghali: audio e testo di Milano

di Alberto Muraro

Il grande giorno per Ghali è arrivato: quest’oggi, venerdì 26 maggio, il rapper tunisimo naturalizzato milanese pubblica il suo primo, vero disco intitolato semplicemente “Album”, un progetto discografico bellissimo e ambizioso che segnerà un punto di svolta per il rap italiano.

Le regole del gioco sembrano infatti ormai cambiate, così come i gusti del pubblico: quello che va adesso è la trap, e Ghali (insieme a colleghi del calibro di Sfera Ebbasta e il suo producer Charlie Charles) ne è uno dei massimi esponenti. Questo “nuovo” genere (si fa per dire) è infatti diventato il nuovo punto di riferimento per i giovani italiani, che mandano perennemente pezzi di questo tipo in cima alle classifiche di iTunes e, soprattutto, di Spotify.

In effetti, è proprio grazie a Spotify che Ghali è riuscito a farsi conoscere dal grande pubblico, forte di un successo a dir poco straordinario che l’ha portato a sfondare qualunque record di streaming grazie a brani come Ninna Nanna o Pizza Kebab.

Qui sotto trovate audio e testo di Milano di Ghali: che ne pensate?

Testo

due di notte sono fuori da un bar
e mi è rimasto ancora un po’ di drum
di quel bastardo fottuto tabacco
che non avrei fumato più
non sono un uomo di parola no
come del resto tutti quanti voi
ci ripetiamo tanto smetterò
ma per adesso si va bene dai
e no no non va bene no
non sono ciò che mi hai chiesto
e quindi che si fa adesso? Giuro non lo so
neanche come sto e come sto
fingendomi onesto dico tutto è perfetto e invece no

mi odio e mi amo
come Milano
come fai te
come fai te ye ye
come fai te ye ye
come fai te ye ye

non tutti sono andati via
alcuni son rimati qui
quelli che dicono verità
anziché dire sempre si
prova a dire no
io non me la prenderò
la scorsa notte ho preso decisioni
e giuro che le rispetterò
provo a dire no
ora i miei difetti divenuti pregi
anche se il mio parfum è lo stesso di ieri
quando non c’era lo champagne dimmi tu dov’eri
baby senza cash tu non mi volevi
io che in famiglia avrò massimo 7 parenti
casa mia non è il massimo ha 7 pareti
a volte vorrei darti il massimo tu non mi credi
ma un sole scalda al massimo 7 pianeti

e no no, non va bene no
non sono ciò che mi hai chiesto
e quindi che si fa adesso?
giuro non lo so
neanche come sto
e come sto
fingendomi onesto dico tutto è perfetto e invece no

alcuni sono andati via
perché doveva andar così
ma io non me la prendo mica
ho bisogno di privacy
provo a dire no
e tutto mi prenderò
la scorsa notte ho preso decisioni e giuro che le rispetterò
provo a dire no

provo a dire no

Articoli Correlati