Il figlio di Audrey Hepburn contro Ariana Grande: ecco perché

di Roberta Marciano
ariana grande audrey hepburn

Ariana Grande è il nuovo volto di Givenchy, ma non tutti hanno apprezzato il paragone con Audrey Hepburn. Pare, infatti, che il primogenito dell’attrice di Colazione da Tiffany, Sean Hepburn Ferrer, abbia dichiarato a TMZ di non essere per nulla colpito dal tributo della cantante alla madre.

Sean ha dichiarato di essere felice del tributo ma allo stesso tempo è rimasto perplesso dal fatto che il team di Ariana sia stato così poco creativo con la sua campagna. Il figlio di Audrey ha dichiarato anche che lui avrebbe licenziato il team della cantante vista la mancanza di originalità e per aver reso l’ex stellina di Nickelodeon solo una copia della madre.

La campagna per Givenchy

Ariana è stata scelta come musa per il brand di abbigliamento, accessori e profumi francese Givenchy. Un’emozione unica per la cantante di No Tears Left To Cry che ha dichiarato di essere al settimo cielo per questa partnership. Anche la casa di moda si è detta entusiasta e ha scelto Ari in quanto voce delle nuove generazioni e un’artista a 360°, in grado di incarnare perfettamente l’essenza del brand.

“Ariana è una musa moderna, la voce di una generazione ed è una delle forze della cultura pop dei giorni nostri. Vincitrice di Grammy, cantante e cantautrice, interpreta alla perfezione lo spirito della donna di Givenchy con impertinenza e generosità, il tutto con un tocco di mistero”.

Le critiche

Nonostante l’emozione da parte dei fan, non tutti hanno preso benissimo il paragone con Audrey Hepburn, accusando Ariana di essere una sua “squallida” imitazione. Per quanto l’attrice sia stata una delle icone del cinema degli anni ’50-’60, non è certo colpa di Ari se il brand ha voluto renderle omaggio, scegliendola come testimonial.

La critica riguarda proprio l’imitazione dell’abito che l’attrice indossa nel celebre film Colazione da Tiffany, come potete vedere nella foto seguente.

 

 

Cosa ne pensate della campagna di Ariana Grande per Givenchy?

Articoli Correlati