Camila Cabello – CAMILA: la recensione di GingerGeneration.it!

di Alberto Muraro

Camila Cabello ci ha un po’ illusi. Siamo sinceri. È bastato un giro di piano sensuale a farci pensare che il suo disco d’esordio, intitolato semplicemente Camila e uscito il 12 gennaio, sarebbe stato un prodotto dal sapore latino. In realtà, l’album è come il suo sangue, originario di Cuba, ma non certo rivoluzionario come il suo ex leader Fidel Castro.

22 DAYS. #CAMILA

A post shared by camila (@camila_cabello) on

Epppure, nonostante le aspettative molto alte, bisogna dire Camila ci ha comunque stupito. Il suo primo vero passo solista fuori da quelle Fifth Harmony in cui si sentiva ormai stretta, è un signor disco pop nonché il miglior modo possibile di dare il via ad un percorso in solitaria.

Non sembra ci sia davvero niente fuoriposto in CAMILA. L’artista, che ha una presenza scenica invidiabile e un talento vocale altrettanto valido, si è costruita addosso il vestito perfetto, un pop mescolato di soul e di influenze etniche (molto blande, appunto) che la trasformeranno nella nuova icona della musica mondiale del 2018. Garantito.

Tralasciando la straordinaria e particolare Havana, omaggio alla città che le ha dato i natali, Camila ha inseriro nell’album tutto quello che ci saremmo potuti aspettare da un disco di un’ex componente di una girl band. In Camila troviamo la ballata romantica (Consequences, Something’s gotta give), l’uptempo con le percussioni electro (stiamo parlando della notevole Never be the same, il secondo singolo), il lento con il giro di chitarra sincopato (All these years, Real Friends). Insomma, ogni elemento bilancia l’altro, per accontentare tutti e non deludere nessuno.

Il problema, se così vogliamo chiamarlo, è che Camila aveva in mano un potenziale grandissimo che non sembra però aver sfruttato al 100%. Eccezion fatta per il primo pazzesco singolo e Inside Out, che ripesca i ritmi del tropical pop, non c’è davvero molto altro che ci rimanga del sangue latino di Camila. Non che questo sia un male, è infatti possibile che Camila abbia in realtà in mente un futuro più urban. ma un pizzico di world music in più avrebbe dato al disco quell’originalità della quale sentiamo la mancanza. A quanto sembrerebbe, insomma, per poter assistere all’ascesa di una nuova Gloria Estefan (o Jennifer Lopez, se preferite) bisognerà aspettare ancora un po’.

to my Camilizers…. my debut album is finally finished. now i'm trying to steady my heartbeat!!!!!!! thank you for being so patient with me this year, i can't wait for you to hear what has been the soundtrack to the past year of my life… all of these songs have special memories behind them, and i'm not gonna lie, it feels emotional letting them go, feels like the end of a chapter… i decided to call it by my name, because this is where this chapter in my life ended. it started with somebody else's story, it ended with me finding my way back to myself. my album is gonna be available for pre order this Thursday, and i'm putting out two instant grat tracks with it…. one is called never be the same, and one is called real friends. it's in your hands January 12 ? love you guys so much, Camila

A post shared by camila (@camila_cabello) on

Che ne pensate di CAMILA, il primo album di Camila Cabello?

Articoli Correlati