Prepararsi ad uscire: depilazione

di admin

Sabato, ore 18,30. Tutona, pop corn, film,… tutto è pronto per una tranquilla serata tra amiche quando suona il cellulare. E’ lui, il ragazzo più carino della scuola, e ti invita a passare la serata insieme. Panico!

Accendi la piastra, ti trucchi, prendi quella bella gonnellina a fiori dall’armadio ma poi ti guardi le gambe: nuova ondata di panico!

Il rasoio
Il metodo più rapido e indolore è di sicuro il rasoio ma in due giorni sarai di nuovo da capo e i peli saranno sempre più duri. Un altro difetto è che, nelle zone più sensibili (inguine, viso, braccia e cosce), il rasoio porta facilmente i peli a incarnirsi e non è una sensazione piacevole.

Creme depilatorie
Altrettanto veloci ma non tanto durature (4/5 giorni) sono le creme depilatorie, a base di un acido che indebolisce la struttura stessa del pelo. Questa sostanza è, però, aggressiva quindi, alla prima applicazione, è bene fare una prova di tollerabilità e non superare i tempi di permanenza del prodotto sulla pelle.  Veet, per esempio, quest’anno ha raddoppiato le componenti idratanti delle sue creme e ha creato prodotti adatti alle più delicate per cercare di limitare questi “effetti collaterali”.
Ceretta
Le cerette sono procedimenti più lunghi e più dolorosi ma i risultati sono sicuramente più duraturi. Le cera a caldo è perfetta per una peluria folta e, per sentire meno male, si può mettere sulla parte interessata una crema pre – depilatoria . Questo metodo, però, non va assolutamente bene per chi soffre di vene varicose o di fragilità capillare perché il calore può provocare dei danni ai vasi. In questo caso è meglio usare la ceretta a freddo e in commercio, oggi, ci sono strisce già pronte e di dimensioni diverse a seconda della zona che si vuole depilare.

L’epilatore
Una via di mezzo tra questi sistemi per velocità, praticità e ricrescita del pelo, è l’epilatore elettrico (per esempio il Silkepil) nella cui testina sono presenti dei dischetti rotanti che, con il loro movimento, imbrigliano e strappano il pelo dal follicolo. Per le gambe è ottimo mentre bisogna fare attenzione all’inguine e alle ascelle, zone ricche di ghiandole, che si posso irritare.

Pinzetta
La pinzetta, comoda per depilare zone limitate come le sopracciglia, i baffetti, l’ombelico o per fare qualche rifinitura, fa, però, spesso e volentieri incarnire i peli quindi meglio usarla con moderazione.

Decolorazione
Se la peluria è sottile e rada (mi raccomando, solo in questa particolare situazione per evitare brutti effetti estetici) si può fare una semplice decolorazione, cioè applicando una crema schiarente, che in pochi minuti decolora il pelo. Anche in questo caso, fai prima una prova perché questi prodotti possono provocare allergie o irritazioni.

Bene, ora sei quasi pronta per uscire. Prima, comunque, idrata la gambe con un olio o un latte per il corpo. Dopotutto, anche per la vostra pelle la depilazione è uno stress!

E voi, che cosa usate? Come vi trovate? Scambiamoci consigli attraverso i commenti!

Articoli Correlati