Niall Horan: la scaletta e la recensione del concerto al Forum di Assago!

di Alberto Muraro

Esiste una e una sola regola per poter competere ad X Factor, ovvero essere in possesso di una voce originale, piena, di quelle che ti ti scaldano il cuore. Quella volta, in questo senso, Simon Cowell ci aveva visto proprio lungo, visto e considerato che nelle fila della sua super boy band si era scelto pure Niall Horan. Non che non conoscessimo già le sue doti canore, sia ben chiaro, ma vederlo dal vivo con un concerto tutto suo è stata un’altra cosa.

 

Il Flicker World Tour del buon Niall, il “pacioccone” degli One Direction è un live privo di fronzoli ma ricco di musica, di altissimo livello. Lontano dal candy pop dei 1D, l’artista irlandese si è infatti ritagliato uno spazio tutto suo nel folk-rock d’autore, dando vita ad un disco di debutto magari non originalissimo ma estremamente d’effetto.

Gli elementi sui quali Niall Horan ha costruito la sua carriera solista sono validissimi e solidi come la roccia. Niall sa cantare, strimpellare e suonare il pianoforte. Non ha bisogno dei balletti di Liam Payne, né dei gorgheggi soul e dei falsetti dell’ex collega Zayn, né degli outfit colorati e un po’ hipster di Harry. Niall è un cantante con la C maiuscola, tutto voce e strumenti.

Il live al Forum di Assago, il secondo dopo quello all’Unipol Arena di Bologna, è purtroppo stato inficiato da grossi problemi tecnici che hanno impedito a Niall di regalarci i siparetti del collega Harry, come ci saremmo aspettati da un personaggio come lui. Il cantante si è infatti ritrovato dopo sole 4 canzoni a ricominciare dall’inizio, dopo essere sparito nel dietro le quinte per un rapido check dell’impianto.

 

 

Poco male, in ogni caso. L’incoveniente ci ha permesso di goderci il bis della scatenata On the loose e la dolcezza del gioiellino This Town, oltre ovviamente a tutto il live che ne è conseguito, un concerto a dir poco perfetto. Niall ha infatti assorbito la classe dei Police, il piglio catchy dei Coldplay, la swag alternative degli Oasis, in breve tutto ciò che il suo Regno Unito avrebbe potuto offrirgli.

 

Il risultato finale, al netto dell’omaggio ai suoi One Direction (Drag me down) e Camila Cabello (Crying in the club) è un concerto adattato a tutte le età, non soltanto alla vecchia guardia di fedeli directioners. Fuori da Assago, sapete, era pieno di genitori in attesa di riportare a casa le proprie figlie. Non sanno proprio quello che si sono persi.

 

C’eravate anche voi al concerto di Niall Horan al Forum di Assago? Ecco la scaletta!

credits immagine di copertina: p.uff_

Scaletta Niall Horan Forum di Assago 7 maggio 2018

On The Loose
The Tide
This Town
Paper Houses

PROBLEMI TECNICI

On The Loose
The Tide
This Town
Paper Houses
You and Me
Dancing In The Dark (cover Bruce Springsteen)
Seeing Blind
Too Much To Ask
Flicker
Fool’s Gold (cover)
So Long (inedito)
Since We’re Alone
Fire Away
Crying In The Club (cover Camila Cabello)
Mirrors

BIS
Drag Me Down (cover One Direction)
Slow Hands
On My Own

Articoli Correlati