La battaglia di Loey Lane: “Voglio una principessa Disney curvy!”

di Claudia Lisa Moeller

Ve ne abbiamo parlato in qualche post fa: anche le bellissime sono vittime di body shaming su Internet. Le critiche, spesso immotivate, sul corpo altrui. Si passa dal “cicciona” all’ “anoressica” solo aumentando o perdendo qualche chiletto. Gigi Hadid ne sa qualcosa.

Per questo è lodevole la campagna lanciata da una vlogger americana: Loey Lane, fashion blogger generosamente abbondante. In un suo video dell’ottobre 2015 Loey si è mostrata con il suo corposo carnoso in un bikini simile a quello della Sirenetta di Disney Ariel e ha dichiarato: “Ho deciso di viverci dentro per il resto della mia vita, chi sto prendendo in giro? Io sarò una principessa sirena per tutto il resto della mia vita.”

Il suo post è diventato virale. Nei mesi successivi sui social è nata una vera e propria campagna per spingere la grande fabbrica dei sogni Disney a creare una principessa più in carne, diversa dalla solita principessa magrolina e ben proporzionata.

L’idea non è molto dissimile da quella di un altro colosso americano che ha lanciato di recente una campagna, a mio avviso, molto brillante ed originale. La Nike quest’anno ha postato sul proprio account Instagram qualche scatto raffiguranti donne decisamente in carne. Curvy in molti casi.

 

 

È un’iniziativa lodevole, giacché propone l’abbigliamento sportivo anche ad un pubblico che dovrebbe praticare più sport per poter migliorare la propria vita. È invece ben più curiosa la richiesta e l’entusiasmo per la campagna di Loey Lane.

La Disney propone dei personaggi di finzione, non certamente un modello che venga davvero mai seguito. Accusare Disney pertanto di incitare ad un certo modello fisico è alquanto ridicolo. Si arriverebbe al paradosso che ha spronato le bambine a farsi amputare le gambe in favore di una bella coda verdastra di pesce! In secondo luogo Loey Lane non è esattamente curvy. Non si parla di taglie, nessuno qui sta dicendo che oltre la 40 non esiste nulla. Loey Lane è obesa. Nemmeno io sono proprio magra, ma c’è una differenza tra essere “morbide” ed essere obese. Incitare all’obesità, tanto più i bambini, è pericoloso come messaggio.

La voglia di mostrarsi di Loey Lane è una sua libera scelta. Se vuole rimanere così com’è oggi e soprattutto se vuole mostrare il suo corpo, ha il diritto di farlo senza essere molestata e vituperata. Su questo ha ragione, ha torto però nel volere che Disney mostri una principessa obesa perché cosa sana e giusta.

E tu cosa ne pensi di Loey Lame? Disney dovrebbe disegnare una principessa abbondante?

Articoli Correlati