Lamù: cinque curiosità sulla ragazza dello spazio che non sapevi

di Marco Della Corte
Lamù: cinque curiosità sulla ragazza dello spazio che non sapevi

In questo articolo vi proponiamo cinque curiosità riguardanti Lamù, la ragazza dello spazio che tanta fortuna ha avuto in Giappone così come in Italia. Il cartone animato giapponese venne trasmesso all’inizio degli anni ’80 su varie emittenti locali e syndication del nostro paese, come Telecapri e Odeon TV.

Lamù ha la peculiarità di essere un cartone animato dall’alta vena comica ed è impossibile che un singolo episodio della serie non riesca a strappare almeno un sorriso allo spettatore, mentre segue le improbabili gesta della ragazza proveniente dal pianeta Oni e del suo ‘tesoruccio’ Ataru, studente liceale giapponese tanto stupido quanto sfigato, divenuto (per cause di forza maggiore) l’adorato marito della nostra protagonista. Fatte le dovute premesse, qui di seguito vi daremo qualche informazione sull’anime di Lamù che probabilmente ignoravate, augurandoci di farvi cosa gradita.

LAMU’ LA RAGAZZA DELLO SPAZIO: CHI E’ L’AUTRICE DEL MANGA?

La serie TV è tratto dal fumetto giapponese scritto e disegnato dalla ‘regina dei manga’ Rumiko Takahashi. La maestra è famosa per aver pubblicato altre opere di grande successo come Ranma, Inuyasha, Cara dolce Kyoko e Rinne. Un’artista molto amata in madrepatria ed apprezzata anche in Italia. Tutte le sue opere precitate sono giunte anche presso i nostri lidi. Tornando al manga di Lamù, esso venne pubblicato nel Sol Levante dal 1978 al 1987 su Weekly Shonen Sunday.

LAMU’: IL NOME DELLA PROTAGONISTA ERA UN ALTRO IN ORIGINE

Il vero nome della protagonista era in origine Lum. Pare che Rumiko Takahashi abbia creato il personaggio ispirandosi ad una celebre idol del passato: Agnes Lum. Per l’aspetto fisico di Lamù, la Takahashi trasse spunto da una foto di Lum indossante un costume tigrato. Tuttavia, pare che per il carattere irascibile ed un po’ lunatico della protagonista, l’autrice si sia ispirata a sé. stessa Una cosa è certa, nell’ideare il personaggio, Takahashi-sensei ci ha azzeccato in pieno!

LAMU’: QUANTO DURA L’ARCO NARRATIVO?

Gli eventi narrati nella serie TV coprono un arco tempo temporale di almeno quattro anni, stranamente i personaggi continuano ad avere tutti 17 anni ed a frequentare la stessa classe: la 2-4. Alla fine abbiamo visto di peggio nelle serie DC e Marvel, con paradossi cronologici talvolta più evidenti. Facendo un po’ i sarcastici, possiamo dire che Ataru, Lamù, Mendo e gli altri scalmanati abitanti della città di Tomobiki soffrano della ‘sindrome di Ash Ketchum‘ e chi è amante della serie Pokemon, sa bene di cosa stiamo parlando!

LAMU’: IL TITOLO ORIGINALE DELLA SERIE

Il titolo originale della serie è Urusei Yatsura, un gioco di parole, abbastanza difficile da tradurre in altre lingue diverse dal giapponese. ‘Urusei’ è un’alternativa della parola ‘Urasai’ (che in lingua originale vuol dire ‘Chiassoso‘). Tale termine viene usato in generale per chiedere a qualcuno di stare zitto. ‘Yatsura’ potrebbe essere tradotto come ‘Gente‘, o ancor meglio, in maniera meno garbata, come ‘Quei tizi‘ o ‘Quelli là‘. Tuttavia, Urusei potrebbe voler dire anche ‘Pianeta Uru‘, alludendo probabilmente al corpo celeste natio della protagonista.

LAMU’: LA SIGLA MISTERIOSA CANTATA DA NESSUNO

Nessuno conosce il nome dell’artista che cantò la sigla italiana di Lamù. Nel corso degli anni ’80 e ’90, la trasmissione della serie è stata sempre accompagnata da un brano dal titolo sconosciuto e di cui si ignora peraltro la versione completa. Pare inoltre che la canzone non sia mai stata pubblicata su vinile. Oltre all’interprete, sono a noi sconosciuti anche gli autori della sigla in questione. Nonostante i ragazzi del forum Sigle TV siano in attività dal lontano 2003 per dare un nome al fantomatico cantante, il mistero sulla sigla permane tutt’ora.

Per informazioni ed aggiornamenti su Lamù ed altre serie TV, continuate a seguirci!

Articoli Correlati