Halloween!

di admin

Trick or Treat”? E cioè, dolcetto o scherzetto? È questo la frase tipica che si sente ripetere come una cantilena dai bambini travestiti da streghe, zombie, fantasmi e vampiri la notte di Halloween: schiere di piccoli ometti e donnine bussano alle nostre porte urlando con tono minaccioso l’ormai famosa frase entrata a far parte anche della nostra tradizione. Eh già, perché nonostante il fatto che la sera del 31 ottobre sia ormai diventato “di moda” anche nel nostro paese festeggiare la notte di Halloween, questa festa viene da molto lontano e non possiamo proprio dire che appartenga alle nostre tradizioni cristiane. 

Halloween, infatti (che cade la sera del 31 ottobre e che corrisponde alla vigilia della festa di Ognissanti) è il nome di una festa popolare di origine pre-cristiana ora tipicamente americana e canadese. Viene infatti fatta risalire quasi al 4000 a.C. e in Europa fece il suo ingresso grazie alle popolazioni celtiche che usavano festeggiare la fine dell’estate e del raccolto accendendo dei falò sacri e lasciando del cibo sulle tavole per i propri defunti, quasi in segno di accoglienza per quanti di loro facessero visita ai vivi (da qui l’usanza del trick – or – treating appunto).

Inoltre, i Celti credevano molto nelle fate e negli elfi, creature dalle quali però erano spaventatissimi: nacque così la leggenda in base alla quale questi esseri magici facevano scherzi orribili e pericolossimi tanto dar far ruotare tutta la simbologia e la tradizione di questa festa intorno alla parola “spavento”! 

Ecco perchè ancora oggi, nel corso di questa notte buia e macabra, tutto viene portato all’eccesso nel segno della paura e del terrore: dalle aziende che dedicano tutta una serie di costumi dark specifici per questa serata, ai gadget usati per allestire e addobbare la casa (finte ragnatele, teli bianchi sui mobili, pipistrelli di gomma, ghirlande nere e tante tante candele) passando per l’affascinante abitudine di intagliare zucche, meglio nota col nome di Jack – o’ – Lantern: (quest’usanza, infatti, nasce dall’idea che i defunti vaghino per la terra con dei fuochi in mano e cerchino di portare via con sé i vivi; i vivi per difendersi e per ingannare i morti si munirebbero di una faccia orribile con un lume dentro per ingannare i defunti).

Da noi

in Italia, poi, questa festa è stata praticamente adottata da noi giovani che non ci facciamo scappare l’occasione di trascorrere una serata speciale dai toni gotici in discoteca (sono tantissimi i locali che offrono serate seguendo questo tema; per info, vai su www.halloweenamilano.it  o su www.halloweenaroma.it). Da non tralasciare in questo caso un make up molto “vampire” basato su tre accessori di cui non dovrete e non potrete fare a meno per un look terrificante: rossetto ultra liquido in nuace bloody, mascara bianco da fata delle nevi e ombretto nero ben marcato all’attaccatura dell’occhio.

Altrimenti, per chi si sentisse più giramondo e volesse partire e regalarsi un week end divertente e dai colori gotici con un gruppo di amici, quest’anno la tendenza del momento ci porta in località piene di fascino e atmosfera, dai colori tipici irlandesi: da Derry a Dublino, passando per Cork e Belfast, tutto profuma di tradizione celtica in queste città dalle mura medievali.

Se invece siete più casalinghe e volete organizzare una festa tutta in tema Halloween, cliccate sul sito ufficiale di Halloween e scoprirete una miriade di consigli per allestire una tavola sui colori del nero e dell’arancione, su come intagliare una zucca e su come preparare dei favolosi dolcetti da offrire a chi busserà alla Vostra porta gridandovi: “Dolcetto o scherzetto?”.


Articoli Correlati