Gossip girl: la quarta stagione all’insegna di novità e doppie facce

di admin

Il teen drama americano continua ad affascinare: da settembre è iniziata l’attesissima quarta serie ( in onda sul canale CW, per noi in streaming) con nuove celebrity. La serie ha inizio in una giornata di fine estate nella città dell’amore: Parigi. E sono proprio d’amore le pene che le nostre protagoniste, Blair e Serena, soffrono e per le quali decidono di trascorrere un’estate nella capitale europea: B cerca di dimenticare Chuck, ignara di quanto gli sia accaduto dopo la loro rottura; S, nel dubbio tra Nate, il suo ragazzo, e Dan, il suo storico ex, si consola con qualche barista parigino. Intanto, a NY city, Dan si trova segretamente alle prese con pannolini, pappe, sonnellini mancati, nei panni del suo nuovo ruolo di padre, dopo che Georgina (Michelle Trachtenberg), la bugiarda per eccellenza, si era presentata alla sua porta all’inizio dell’estate con l’inattesa sorpresa. Vanessa, la ragazza di D, che si era allontanata da lui per essere stata tradita con S, ricompare preoccupata del silenzio estivo di lui, ma venuta a conoscenza della difficile situazione, decide di aiutarlo con la gestione del piccolo, nella speranza di un riavvicinamento. Nate desiderando dimenticare la delusione con S, decide d’ impegnarsi con uno scrupoloso consulto del “libretto nero”, una lista di numeri delle amiche di Chuck, fin che il nuovo oggetto delle sue attenzioni non diventa Juliet Sahrp (Katie Cassidy, guest star della serie) una new entry che sembra inizialmente opporgli resistenza. La “non più piccola Jenny” si trasferisce negli Hudson, esiliata dall’Upper East Side dopo un’illecita notte con Chuck il quale per sfuggire al peso della colpa commessa e alla conseguente perdita del grande amore B, sparisce nel nulla dopo essere stato ferito da un colpo di pistola di due malviventi. In realtà viene trovato da una ragazza francese che gli salva la vita e alla quale nasconde la sua vera identità per poter ricominciare assieme a lei, una vita onesta e meritata. Proprio B gli ricorderà che il passato non si può cancellare e che per quanto cerchiamo di sfuggirgli, ironia della sorte, torna sempre a bussare alla nostra porta.

Un’inspiegabile vendetta

La serie è arrivata al decimo episodio con una sottotrama più elaborata e una trama a episodi abbastanza banale, per quanto riguarda gli espedienti e le casualità che, spesso, sembrano forzate ai fini degli esiti della vicenda, ma comunque con grandi colpi di scena. Il gioco si fa sempre più complicato: la misteriosa Juliet, fin dall’inizio, trama per distruggere la vita di S la quale, non si sa come, sarebbe responsabile dell’incarcerazione del fratello e della rovina della loro famiglia, così cerca in tutti modi di screditarla in ambito accademico e di metterle contro i suoi amici, sua madre, il suo ex Nate. Fortunatamente per S, tutti i tentativi falliscono, Juliet capisce quindi che non può farcela se non alleandosi con due nemiche della sua vittima: Vanessa continuamente messa da parte da D, e Jenny, ancora memore dell’insuccesso, della serie passata, con Nate. Causa: la bellissima Serena. L’improbabile trio, venuto a conoscenza della decisione che S deve prendere una volta per tutte nei confronti dei suoi pretendenti, con un abile scambio d’identità, fa in modo che i due pensino di essere presi in giro da lei, e che tutte le persone a lei care la credano depressa, allo sbando e quindi bisognosa di essere esclusa dalla vita mondana e reclusa in un centro di recupero. Il piano riesce talmente bene che la povera Serena, non solo non sa convincere nessuno della sua innocenza, ma persino lei arriva a dubitare di se stessa. L’unico che sembra crederle fino in fondo è Dan il quale si dimostra essere il solo a conoscerla veramente e al quale Serena decide, finalmente e per la quarta stagione, di dichiarare il suo amore. Questa volta però Jenny capisce di aver fatto il passo più lungo della gamba e di aver rischiato troppo con la vita di S: decide quindi di confessare a Blair, la sua acerrima nemica, l’intero piano e la mente dello stesso. A questo punto Blair e Dan uniscono le forze per ritrovare la colpevole, che riuscita nel suo intento, lascia la città senza preavviso. Vendicare Serena e restituirle la libertà e la credibilità davanti a tutti sarà il compito di quest’insolito duo. A chi e a cosa ricorreranno per un’esperta dell’inganno come Juliet?

Risolto il mistero nell’ultima puntata dell’anno: la colpevole è Lily

L’interrogativo che ci ha incuriosite per tutta la prima parte di questa quarta serie (che riprenderà il 24 gennaio), trova con l’ultima puntata 2010, la sua risposta: chi è Ben Donovan? Le verità sul fratello di Juliet vengono finalmente svelate. La povera S, ancora interdetta, decide d’iniziare la terapia d’isolamento con la psicoterapeuta. Non potendo interrogare Serena per ricostruire tutti i pezzi dell’inganno, i nostri, si rivolgono a Gg grazie alla quale scoprono che Juliet è tornata nella sua cittadina del Conneticut: Dan e Blair partono in incognito alla ricerca della “provincialotta”-questo il titolo della puntata- ma al suo posto, trovano un vecchio amico, Damien Daalgard, il quale ammette subito di aver venduto delle sostanze stupefacenti a Juliet, le stesse che poi lei avrebbe usato per drogare Serena. Damien era un compagno di Serena ai tempi del liceo, quando lei era stata mandata in collegio per gli scandali in cui era stata coinvolta. Intanto Juliet, casualmente, vede dalla macchina i tre e intuisce che abbiano capito tutto e che per lei le cose si stiano mettendo male. Dan, Blair e Damien ,infatti, si recano a casa di Juliet e vi trovano solo la madre che, nell’intrattenerli in attesa della figlia, gli rivela un importantissimo particolare: Juliet ha un fratellastro, Ben Donovan, che insegnava alla scuola di Damien e Serena, e che Damien riconosce subito come un suo ex professore che era stato licenziato per aver avuto rapporti illeciti con una studentessa, la quale si pensava fosse proprio S. Iniziano i ricordi di Damien e Serena che si sincronizzano e la storia si ricompone: ai tempi del college Serena aveva conosciuto un’unica persona che gli desse attenzioni per qualcosa di più importante dei festini e dell’alcool, il suo professore l’aveva coinvolta e affascinata sempre di più nel mondo della letteratura e i due avevano iniziato a condividere molto tempo. Ma quando lei gli aveva dichiarato i suoi sentimenti, sebbene lui avesse ammesso di ricambiarli, aveva deciso di non compromettere le cose e di mantenere un rapporto rispettoso del ruolo di entrambi. Serena, che non si era mai sentita dire di no, si era trovata molto in imbarazzo e non aveva più parlato col professor Donovan, del quale aveva comunque serbato un bel ricordo. Juliet, avvisato il fratello della visita sgradita degli amici di S, decide di tornare a NY minacciando di sistemare Serena una volta per tutte. Spaventato dalle parole della sorella, Ben riesce ad avvisare Nate, che nello stesso momento era entrato in carcere per visitare il padre già imprigionato per evasione fiscale, del pericolo che S corre. Nate, allarmato, a sua volta avvisa Dan ma questo è ancora troppo lontano e non può verificare. Il confronto tra le due è inevitabile, nella stanza di S c’è ad attenderla una sorpresa poco gradita che vuole una resa dei conti: Juliet ammette di aver drogato S e di essersi spacciata per lei per vendicare l’ingiusta incarcerazione del fratello, della quale l’accusa essere la responsabile. Venuta a conoscenza delle sorti del suo professore una volta lasciato il collegio, Serena si difende ammettendo di non aver firmato nessuna dichiarazione che lo incolpasse di atti sessuali; capisce che l’artefice di tutto è sua madre e insieme a Juliet si reca a casa, per chiedere spiegazioni. Ed ecco che il tutto si ricompone: S trova la madre impegnata con Chuck nell’evento mondano del momento che è la cena natalizia coi clienti delle Industrie Bass, la società che Chuck e Lily hanno ereditato in seguito alla morte del padre di lui ed ex marito di lei. La rabbia prende il sopravvento davanti all’ipocrisia della scena e a quel punto non può mancare la rivelazione pubblica, la bomba sganciata senza preavviso è sempre la migliore vendetta: Serena dichiara agli ospiti, ignari delle vere ragioni della sua assenza, di essere in cura in un centro psichiatrico, cosa che sua madre, da perfetta egoista e bugiarda, teneva nascosta solo per salvare l’immagine. In seguito alla scenata pubblica, S chiede spiegazioni alla madre sulle sorti di Ben Donovan e finalmente la verità viene a galla: Lily si giustifica dicendo che nessun liceo di NY avrebbe accettato S, se non avesse usato a proprio vantaggio il pettegolezzo che girava in collegio sul professore e la figlia minorenne, così per il bene di S, lo aveva trasformato in un’accusa vera e propria. A questo punto Rufus, il marito di Lily, decide di fare luce su tutte le bugie della moglie e dichiara all’ignaro Chuck, che questa avrebbe venduto la società del figlioccio. Chuck, il quale aveva riposto nella matrigna tutta la sua fiducia, oltre che la conduzione delle Industrie, ne pretende ora la restituzione. Lily perde la fiducia di tutti e la riunione di famiglia si scioglie come sempre nel vuoto, nella delusione e nel tradimento delle persone più vicine. La puntata si conclude con un pranzo dei cinque amici che si dividono per le vacanze natalizie e con S che va a trovare il suo ex professore Ben Donovan. Dopo tante falsità, finalmente qualcosa di buono!

Articoli Correlati