Golden Globes 2017: Meryl Streep ricorda Carrie Fisher e attacca Trump

di Federica Marcucci

Durante la cerimonia di premiazione dei Golden Globes 2017 la mitica Meryl Streep ha ricevuto il Cecil B. DeMille Award, prestigioso riconoscimento alla carriera. La premiazione è stata annunciata da Hugh Laurie e da un bellissimo filmato che racchiude tutte le migliori performance dell’attrice, da Kramer vs Kramer, passando per La mia Africa, fino ai più recenti Mamma Mia! e Florence.

Nel suo discorso di ringraziamento Meryl non ha mancato di far valere la propria personalità dirompente, toccando anche temi politici e scagliandosi contro il nuovo presidente USA Donald Trump. “Hollywood è piena di outsider e stranieri, e se li cacciamo tutti non resterà altro da guardare che il football e le arti marziali miste, che non sono davvero arte”, ha detto l’attrice ricordando anche un brutto episodio in cui Trump si era reso protagonista durante la sua campagna elettorale prendendo in giro un giornalista disabile.

Mi ha spezzato il cuore quando l’ho visto, e non riesco a togliermelo dalla testa perché non era in un film, era la vita vera. E questo istinto di umiliare l’altro, quando è impersonato da qualcuno con una visibilità pubblica, qualcuno di potente, arriva nella vita di tutti quanti, perché autorizza altri a comportarsi nello stesso modo”, ha continuato lei.

Non sono mancate parole anche l’attrice, nonché intima amica, Carrie Fisher, recentemente scomparsa. A proposito del privilegio e della responsabilità di essere attore, Meryl Streep ha ricordando le parole dell’amica dicendo, “Come mi disse una volta la mia cara amica, la principessa Leia: ‘Prendi il tuo cuore spezzato e trasformalo in arte'”. Poche parole per ricordare in modo semplice ma eloquente una vera e propria icona che già manca a tutti noi.

Se vi siete persi il video in cui la Hollywood Foreign Press ha riassunto tutti i momenti più belli della carriera di Meryl Streep potete vederlo qui:

Avete assistito al discorso di Meryl Streep ai Golden Globes 2017 stanotte?

 

Articoli Correlati