Gabriel Garko

di admin

Ecco a voi Gabriel Garko, psuedonimo di Dario Gabriel Oliviero, attore italiano, nato a Torino il 12 luglio 1974.

Sex-simbol

Nato sotto il segno del Cancro, cresce presso Settimo Torinese. il suo cognome d’arte si deve a una rivisitazione del cognome della madre, Garchio. Occhi verdi e fisico statuario, (1,90 di altezza) lo rendono uno dei sex-simbol più amato e desiderato da tutte le donne del pianeta.

Carriera
La sua carriera inizia con la moda in qualità di indossatore e nel 1991 vince il titolo di Mister Italia.
Il suo debutto ha inizio nel 1995 nei fotoromanzi e come protagonista, insieme a Francesca Dellera, nel cortometraggio, presentato al Festival di Venezia, Troppo caldo di Roberto Rocco. L’anno seguente, lo stesso regista lo segue in Una donna in fuga. Il vero successo arriva però con le fiction televisive.
Inizialmente prende parte a delle miniserie che vanno in onda su Rete4 La signora della città nel 1996, La villa dei misteri nel 1997 e nel 1998 diventa protagonista per la prima volta con Angelo Nero su Canale5.

Nel 2001 vince il telegatto grazie alla serie Il bello delle donne, di cui si realizzano ben tre stagioni. Altro capolavoro è la grande performance nel film Le fate ignoranti di Ferzan Ozpetek.
Nel 2002 recita in due film molto attesi ma che si rivelarono poi dei flop : Senso 45 di Tinto Brass e Callas Forever di Franco Zeffirelli. Sul piccoloschermo è già una star affermata e nel 2005 è protagonista de I colori della vita, le miniserie tv L’onore e il rispetto, Il sangue e la rosa e Io ti assolvo.
Nel 2007 torna al cinema con Una moglie bellissima di Leonardo Pieraccioni e nel 2008 è in Aspettando il sole di Ago Panini.

Articoli Correlati