Esami di maturità 2010: aumentano i promossi ma si abbassano i voti

di admin

Anche quest’anno gli esami di maturità sono giunti alla fine, e il 97,95 % dei maturandi ha tirato un sospiro di sollievo  e potrà proseguire nel proprio percorso scolastico-lavorativo. La buona notizia è che la percentuale  dei bocciati è diminuita dello 0,10 % (2,05 % di bocciati contro il 2,15 % del 2009) , ma la cattiva notizia è che ad aumentare è il numero dei non ammessi all’esame: nel 2009 infatti i non ammessi erano stati 17.000, mentre quest’anno ben 23.000.

I dati della maturità 2010

La diminuzione del numero di ammessi agli esami di maturità è dovuta sia all’introduzione di norme che rendono più severa la selezione (come ad esempio l’obbligo di avere tutte sufficienze)  sia al’aumento delle bocciature per una condotta scarsa: i non ammessi a causa dell’insufficienza in condotta sono stati 8.403, contro i poco più di 5000 di un anno fa. Diminuiscono inoltre i voti dei laureandi: è in discesa il numero di  laureati con una votazione da 81 a 100 e lode e aumentano i voti nella fascia tra il 60 e l’80. Dai risultati si evince quindi che la qualità dei laureandi si sta rimpicciolendo, nonostante una serie di norme che cerchino di portare all’esame solo alunni realmente pronti alla maturità, sia culturalmente che dal punto di vista comportamentale.

L’incognita che rimane aperta  (e a cui ognuno di noi è libero di rispondere) è: stiamo assistendo ad un peggioramento reale e concreto delle prestazioni degli studenti, oppure il livello studentesco è rimasto lo stesso degli scorsi anni, ma l’aumento della severità nelle selezioni ha smascherato una mediocrità con cui conviviamo da tempo?

Articoli Correlati