Charlie Puth – Voicenotes: la recensione di Gingergeneration.it

di Roberta Marciano
charlie puth

Un crescendo di emozioni dalla prima all’ultima traccia, che partendo da The Way I Am descrivono in modo brillante il percorso di Charlie Puth. Voicenotes è un album personale, che racconta la sua vita, le sue storie d’amore, quelle travagliate e strappa lacrime e quelle che gli hanno insegnato qualcosa nella vita.

Scarica QUI Voicenotes!

Uno qualsiasi dei brani contenuti nel suo secondo studio album è il candidato ideale a essere un singolo, pronto a spaccare sulle classifiche di tutto il mondo. Nonostante la strategia di rilasciare ben 6 brani ancor prima dell’uscita di Voicenotes ha forse penalizzato il cantante, ma il suo nuovo album è impeccabile e va ascoltato tutto d’un fiato.

C’è il meglio di Charlie Puth, puro e sincero come racconta lui stesso in The Way I Am. Oltre ai brani già conosciuti, che consideriamo delle perle e che hanno subito scalato le classifiche, è davvero difficile scegliere. LA Girls e BOY sono due dei brani più accattivanti e il primo, in particolare, è anche il preferito di Charlie. Per i più romantici Patient è sicuramente una chicca imperdibile, ed era stato designato come terzo singolo, prima di essere sostituito con Done For Me feat. Kehlani. Anche se la conosciamo già, Change in collaborazione con James Taylor è il brano con il testo più profondo, con il quale il cantante si è esibito durante la manifestazione March For Our Lives.

Leggi anche – CHARLIE PUTH – TUTTI I TESTI E LE TRADUZIONI DI VOICENOTES!

Rispetto alle romantiche vibrazioni di Nine Track Mind, suo primo album, Voicenotes è decisamente più pop, travolgente e coinvolgente. Non ci aspettiamo di sentirlo sulle piste da discoteca, ma stare fermi ascoltando questo album è praticamente impossibile.

Cosa ne pensate del nuovo album di Charlie Puth, Voicenotes?

 

Articoli Correlati