American Horror Story – Apocalypse: recensione e trama dell’episodio 8×05

di Alberto Muraro

American Horror Story – Apocalypse è finalmente arrivato! Lo scorso 12 settembre la serie prodotta da Ryn Murphy è sbarcata su FX con il suo solito carico di sangue, omicidi e misteri. L’ottava stagione di AHS, come vi avevamo raccontato qui su GingerGeneration.it ha come tema un crossover fra Coven e Murder House e scaturisce da un’idea di fondo molto angosciante, quella del cosiddetto “inverno nucleare”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

There are few pleasures in this new world. #AHSApocalypse

Un post condiviso da American H0rror Story (@ahsfx) in data:

Nel cast, troviamo tutte le glorie che già abbiamo amato nelle stagioni precedenti, più qualche succosa new entry. Fra i più amati, troviamo Sarah Paulson (la protagonista Venable), Evan Peters ed Emma Roberts. Tra i novi invece c’è l’iconica Joan Collins (Evie Gallant) e Cody Fern, che interpreta l’Anticristo.

Qui sotto trovate la trama della quinta puntata di American Horror Story 8 Apocalypse, intitolata Boy Wonder e la recensione della puntata su GingerGeneration.it!

 

 

TRAMA

Cordelia accetta di sottoporre Michael Langdon alla sfida delle 7 Meraviglie, prova che il giovane supera brillantemente. Tuttavia, i poteri dello stregone spaventano tutti, particolarmente Misty Day, riportata in vita dallo stesso dagli inferi. Sembra ormai evidente a gran parte dei maghi e delle streghe che nel ragazzo ci sia qualcosa di maligno, un potere distruttivo che potrebbe mettere in pericolo il mondo intero.

L’a Suprema “in carica” tuttavia, sa che adesso può contare su tutte le sue vecchie streghe per cercare di sconfiggere Langdon. La regina delle streghe decide dunque di andare alla ricerca delle origini del ragazzo, dove tutto è cominciato: nella prossima puntata, dunque, ritorneremo tutti nella casa al centro della prima stagione di AHS, l’inquietante Murder House.

 

RECENSIONE

Che puntata e quante emozioni! Boy Wonder è senza ombra di dubbio il miglior episodio di questa stagione visto fin’ora. Ryan Murphy è riuscito a tessere un bel plot, mescolando le trame fra le serie e i rapporti fra i personaggi, dando vita ad un prodotto dove tutti sembrano essere contro tutti e nessuno si può fidare di nessuno. Straordinaria, in questo senso, l’interpretazione di Cody Fern, un Michael Langdon spaventosamente inquietante. Speriamo che il livello della serie rimanga su questi livelli. Finale davvero da applausi!

 

Che cosa ne pensate della puntata 8×05 di American Horror Story – Apocalypse?

Articoli Correlati