GingerGeneration.it

Voglio essere un mago su Rai 2: chi sono i 12 protagonisti

scritto da Giovanna Codella
voglio essere un mago

Sta per avere inizio una grande avventura in un suggestivo e fiabesco castello dove tutto è possibile. Voglio essere un mago è il nuovo reality-talent prodotto da Rai 2 in collaborazione con Stand by me.

La trasmissione andrà in onda dal 21 settembre per cinque prime serate avrà come protagonisti 12 “teen wizard” provenienti da tutta Italia, d’età tra i 14 e i 19 anni.

Chi sono i protagonisti di Voglio essere un mago

I ragazzi scelti per questa edizione sono: Pasquale Guercia (16, Salerno); Luca Funzione (18, Sarzana – SP); Giulia Serafin (17, Treviso); Giuseppe Capitolino (15, Cleto – CS); Marco Loffredo (17, Napoli); Silvia Lollino (18, Varese); Giulia Mangialomini (16, Castelvetrano -TP). Giorgio Andolfatto (16, Torino); Elettra Tercon (17, Ferrara); Christian Ceresera (18, Brescia); Daniel Motta (17, Villasanta – MB); Matilde Carioli (14, Bergamo).

Questi giovanissimi “apprendisti” hanno caratteri e personalità diverse ma sono accomunati da un’unica grande passione: l’arte della magia.

voglio essere un mago

Il meccanismo del reality-talent di Rai Due

I protagonisti saranno divisi in tre casate –  le Volpi Rosse, le Piume D’Oro e gli Abisso Blu. Gli aspiranti maghi studieranno e perfezioneranno le arti magiche, si sfideranno per superare gli esami ed evitare la bocciatura. Solo alcuni di loro conquisteranno il diploma di mago e il migliore si aggiudicherà la bacchetta d’oro.

Ma ben presto anche i Babbaloni busseranno alle porte del Castello. Chi sono? Giovani influencer estranei al mondo della magia ma veri e propri “maghi dei social”. Intanto, è già iniziato il toto-nomi sul web per svelarne le identità.

Dal 9 settembre è disponibile online la pagina RaiPlay  dedicata al programma. Qui si potranno vedere in esclusiva le storie dei giovani maghi protagonisti, i loro sogni e le loro aspettative. Una sfida per acquisire capacità tecniche e artistiche. Ma soprattutto  per imparare a vedere le difficoltà come un’occasione per migliorarsi e superare i propri limiti.