Twitter apre alla possibilità di utilizzare 280 caratteri nei tweet: ecco i dettagli

di Alberto Muraro

Arriva con un tweet (e d’altra parte non avrebbe potuto essere altrimenti) la conferma secondo cui Twitter, la celeberrima piattaforma social network competitor di Facebook, sarebbe attualmente a lavoro per permettere finalmente ai propri utenti di poter scrivere cinguettii in 280 caratteri, anziché soltanto 180.

A proposito: seguite GingerGeneration.it su Twitter!

Come spiegato approfonditamente in questo articolo, Twitter si è reso conto, dopo anni, che i 180 caratteri limitavano e pure di parecchio la possibilità di esprimersi sul social per una certa fetta di utenti (nel caso specifico, si parla di quelli di lingua inglese) mentre per altri il problema spesso e volentieri non si poneva (leggasi, i tweet in giapponese, per esempio).

Proprio grazie alle analisi svolte (in effetti, non ci voleva uno scienziato per arrivarci),  il social network ha deciso di concedere, in veste di prova, ad un piccolo gruppo di utenti selezionato la possibilità di twittare con 100 caratteri aggiuntivi, una funzionalità che verrà applicata solo nel caso in cui i feedback saranno positivi.

Nel frattempo, in ogni caso, la piattaforma con sede a San Francisco ancora non sembra avere alcuna intenzione di risolvere un problema che ormai si porta dietro fin dalla sua fondazione: stiamo parlando dell’impossibilità di modificare un tweet appena scritto, l’unica vera novità che i suoi milioni di iscritti stanno aspettando.

Che cosa ne pensate di questo cambiamento da parte di Twitter?

Articoli Correlati