Sud della Sardegna: scopriamo la terra di Marco Carta

di admin

La terra di Marco Carta è l’ideale per dimenticare gli stress cittadini, ascoltare il fruscio delle onde ed immergersi nel silenzio della natura. Chia e Porto Pino, affascinanti terre verdi e blu, possibili mete delle vostre vacanze ormai imminenti? Scopritelo qui.

L’incontaminata Baia di Chia

Qualche ora di nave et voilà benvenute a Cagliari nel pieno sud della Sardegna, città natale di uno dei vostri beniamini preferiti, Marco Carta. Lontana dagli stereotipi e dalla mondanità vip, qui il tempo scorre lento e si pensa solo a stare bene: la costa sarda meridionale è un rifugio segreto dove lasciarsi coccolare da mare, brezza e sole. La natura incontaminata è protagonista e la macchia mediterranea, con tantissimi arbusti cespugli fioriti e profumi di mirto e ginepro, fa da protezione a paesaggi da favola e spiagge incantevoli. Da Cagliari vi basterà spostarvi di qualche kilometro sulla strada litoranea per raggiungerne proprio una delle migliori, la Baia di Chia. È formata da molteplici lidi che si estendono per sei kilometri dalla cittadina di Teulada a Pula e ognuna sa catturare l’animo di chi le visita per la prima volta.  Un alternarsi di promontori alti e rocciosi e litorali bassi e sabbiosi caratterizzano questo tratto di costa oltre a sabbia finissima bianca e mare caraibico. A dispetto però della Sardegna settentrionale, le spiagge sono intatte, essenziali, piccoli baretti e pochissimi stabilimenti balneari per lasciare che la natura parli da sé. Andate a Porto Campana, Cala de Sa Musica o nella più nota Cala Cipolla, una delle perle che ha contribuito a rendere famosa la Baia di Chia. Per raggiungere le spiagge quasi sempre si passa lungo le rive di vari stagni costieri, che impreziosiscono ulteriormente lo scenario grazie alla presenza di varie specie di uccelli acquatici quali i fenicotteri rosa, attraenti esemplari diventati ormai familiari ai turisti. Nel tardo pomeriggio i colori della terra, del mare, del cielo e dei fenicotteri iniziano a fondersi.. che tramonti! Chia ha anche la particolarità di avere come simbolo una torre, situata sul promontorio dove un tempo sorgeva l’acropoli della città. Visibile da tutte le spiaggette, raggiungendola a piedi si scorge tutto il panorama e di notte è ancora più suggestiva, grazie al blu scuro del mare e alle luci dei riflettori che la illuminano. Fate un mini tour delle spiagge di questa baia.. ne vale davvero la pena.

Porto Pino e le sue dune bianche

A circa un’ora e mezza da questo piccolo angolo di paradiso c’è Porto Pino che non è certo da meno.. anzi, vi farà innamorare della sua baia: due kilometri di spiaggia candida con il mare trasparente da sogno da un lato e dall’altro il promontorio ricoperto da una vastissima pineta e bianche coste rocciose alte fino a 50 metri dal livello del mare.  Ma Porto Pino offre molto di più, la baia è difatti famosa per le sue dune bianche, suggestive per la loro dimensione, imponenti per la quantità di sabbia infinita di cui sono composte, strabilianti per la loro bellezza e per il definitivo incanto che donano a questa terra. Difficile da descrivere a parole, le dune affascinano tutti e non è un caso che in questo scenario unico siano stati girati numerosi spot televisivi (Tim, Vodafone, Blumarine per fare qualche nome) e che abbiano ospitato come testimonial top model e attrici, quali ad esempio Gisele Budchen e Laura Chiatti.

Raggiungetele seguendo il bagnasciuga, passeggiate finché lo sguardo non viene captato da questi giganti, correteci sopra, godete della meravigliosa vista a 360° e poi stendetevi al sole proprio a ridosso delle dune..  non scordate la digitale per immortalare il tutto!

Pensavate forse che la Sardegna più in fosse solo al nord nei paraggi di Porto Cervo? Avrete cambiato decisamente idea.. visitate quest’altro mondo.

Articoli Correlati