Senza di te di Mameli e Sierra: audio, testo e significato

di Giovanna Codella
mameli - sierra

Venerdì 19 giugno esce Senza di te, il singolo che vede collaborare insieme il cantautore indie pop Mameli e il duo urban romano, Sierra.
I tre artisti creano un immaginario in cui è difficile non ritrovare sé stessi. Ricordi vividi di vita quotidiana per una ricetta vincente: un pizzico di malinconia, mare, sabbia, vento e colori per evocare la stagione più dolce e calda dell’anno, l’estate. Mameli e i Sierra raccontano:

Senza di te è una canzone estiva scritta in inverno. È il tramonto di fine stagione, quando torni dal mare ancora coperto di sale. Il vento che soffia, i locali all’aperto, le granite siciliane. È Roma vuota perché sono tutti ad Ostia. Il sole che non cala mai. ‘Senza di te’ è un match di due mondi diversi che confluiscono in un unico immaginario. Semplice, ma bello.

Audio

CLICCA QUI PER COMPRARE LA CANZONE

Testo

Esco senza telefono
Per la zona un alieno
Ho il mare nel ventre
Sono l’ago nel fieno ma mi hanno trovato
Sistema solare di lato
Rincorro utopie sono un ladro
Di sogni e speranze che vado cercando
Invece di darci la mano
Incrociavamo le dita
Quanto era bella la lira
E tutta la zona è salita ora
Mentre mi parla si allontana
E a me mi da fastidio
Con la musica ho un rapporto tipo madre e figlio
Io non penso come pensi te, siamo agli opposti
Siamo già stati morti, siamo stelle nei corpi

Le macchine, la coca cola
Le spiagge, un aereo che vola
L’estate che avanza, le scarpe di moda
Gli ostelli, la musica nuova

La notte un po’ pazza
La testa in Giamaica
Il vento, la pelle salata
Tutto è così stupido
Senza di te
Senza di te

Eravamo sui vagoni ad agosto verso ostia lido
Fumavamo pacchi d’ansia e dry sift tutto esaurito
Poi chi cambia spartito dice a te sei sparito
Il tuo nemico è il tuo amico che non è più tuo amico
Vedi le onde che su infrangono sui marciapiedi?
Tutto è possibile col sole dentro i miei pensieri
A scuola bacchettavano con l’inno di Mameli
Oggi la Sierra fa Sega e fa un feat. con Mameli
Faccio un salto allo Zion con i chili sotto le sdraio
Un castello di sabbia come salvadanaio
Schizzo su chi nasce ricco e canta di essere il contrario
Scrivo per chi non ha storia e chi ne ha fatte un paio
Per quando andavo in playa vestito da soggetto
Perché anche in vacanza voglio esprimere un concetto
Drippo polvere di stelle con i buchi in petto
Ho la marea che spinge verso il mare aperto

Le macchine, la coca cola
Le spiagge, un aereo che vola
L’estate che avanza, le scarpe di moda
Gli ostelli, la musica nuova

La notte un po’ pazza
La testa in Giamaica
Il vento, la pelle salata
Tutto è così stupido
Senza di te

Mi sento come un palcoscenico dopo lo show
Sono pieno di emozioni ma triste
Sto con te solo nelle playlist
Sono sulla corsia di sinistra

Senza te ho visto l’orizzonte degli eventi
Ho l’astronave pronta per le 4:20
Nel villaggio di Neri Parenti
Tra infami e serpenti ho un senso di te

Le macchine, la coca cola
Le spiagge, un aereo che vola
L’estate che avanza, le scarpe di moda
Gli ostelli, la musica nuova

La notte un po’ pazza
La testa in Giamaica
Il vento, la pelle salata
Tutto è così stupido
Senza di te
Senza di te
Senza di te
Senza di te

Cosa ne pensate di questo singolo di Mameli e dei Sierra?

Articoli Correlati