La nascita dei gemelli di Beyoncé ha catalizzato l’attenzione del gossip di tutto il mondo. In particolare la scelta dei due nomi dati ai bambini. Il maschietto è stato chiamato Sir, mentre la femminuccia Rumi. Il secondo nome aveva generato non pochi dubbi tra gli internauti e gli stessi fan di Queen B. Come mai Rumi?

 

Sir Carter and Rumi 1 month today. 🙏🏽❤️👨🏽👩🏽👧🏽👶🏾👶🏾

Un post condiviso da Beyoncé (@beyonce) in data:

La nonna dei due bambini, Tina Knowles, ha sul suo profilo Instagram chiarito il perché del nome.

 

Come molti avevano indovinato Rumi è un omaggio al poeta persiano Jalāl al-Dīn Rūmī. La mamma di Beyoncè cita una poesia del poeta che così recita:

Questo è l’amore per cui volare fino ad un cielo segreto, da far cadere centinaia di veli in un solo momento. Il primo rilascio di vita. Finalmente camminare senza muovere piede.
Il tuo compito non è ricercare amore, ma semplicemente cercare e trovare tutte le barriere che sono in te stesso e che tu stesso hai costruito contro l’amore.
Un centinaio di amori a metà bisogna tradire per portare a casa un cuore solo.
Comunque, per quanto noi descriviamo e spieghiamo l’amore, quando ci innamoriamo, ci vergogniamo delle nostre parole.
L’amore è il ponte tra noi e il tutto.
Se tu non mi trovi in te, allora non mi troverai mai. Io sono sempre stato con te fin dall’inizio di me.

Aggiunge la nonna orgogliosa dei suoi nuovi nipotini aggiunge sul suo profilo come descrizione:

Questo poeta del 13° secolo Rumi non è solo bellissimo, ma anche logico. Bisogna amare il numero tre. Delle volte siamo noi stessi la ragione per cui non riusciamo a trovare amore. Dobbiamo per prima cosa lavorare su noi stessi per essere completi.

Dunque mistero risolto. Rumi è un omaggio al poeta persiano. Niente moto, nomi giapponesi o altro.

Per chi fosse curioso di leggere altri versi di Rumi, vi alleghiamo qui il link italiano ad alcuni suoi componimenti.

E tu cosa ne pensi di chiamare una bambina con il nome del poeta Rumi?