Lo Stato Sociale – Buona sfortuna: video ufficiale e testo

di Alberto Muraro

Lo Stato Sociale sono finalmente tornati: a due anni di distanza da L’Italia Migliore, la band elettropop bolognese composta da Albi, Bebo, Lodo, Carota e Checco pubblica oggi, 10 marzo, il suo terzo disco intitolato Amore, lavoro e altri miti da sfatare, un ironico ritratto della società di oggi (e dell’Italia in particolare, ça va sans dire) dal sapore davvero irrestibile.

Amore, lavoro e altri miti da sfatare è infatti un miscuglio ben dosato di diversi generi e ispirazioni, che lo rendono uno dei progetti di musica italiani più interessanti della stagione: nell’album de Lo Stato Sociale troviamo infatti pezzi dal sapore più pop (come il singolo di lancio Amarsi male), ma anche influenze rock e più spiccatamente electro-pop, un mix che rende il disco immediato e coinvolgente fin dal primo ascolto.

Leggi qui tutti i testi di Amore, lavoro e altri miti da sfatare.

Ecco video ufficiale e testo di Buona Sfortuna de Lo Stato Sociale: vi piace?

 

 

Testo

Spero che ti possa tagliare con un foglio
mentre firmi per la casa nuova
e che la penna si rompa e ti sporchi il vestito
che ti toglie un altro ogni sera

spero che sia l’uomo perfetto e non noti se ti tagli i capelli
e confonda il tuo compleanno con quello di sua madre

ah ah

vorrei che almeno un giorno a settimana
l’autobus arrivi tardi
vorrei che nella pioggia un’auto nera
schizzi la tua gonna corta
che passavo più tempo con le mani perse là sotto
piuttosto che attaccate al volante di un’auto nera

la mia auto nera

buona sfortuna
buona sfortuna
come te non c’è nessuna
e per fortuna
amore buon viaggio
e buona sfortuna

spero che le cose non si mettano bene
ci sia nebbbia il giorno della tua festa
e il cane dei vicini abbai ogni sera ma solo quando guardi un film
e tutte le tue amiche facciano l’amore nelle notti in cui non sai dormire
e i resti della spesa siano tutti di rame

vorrei non ti facessero mai male le gambe
quando torni dal lavoro
e avessi una fitta al ginocchio mentre
ti pieghi per fare l’amore
vorrei non ti riuscisse il colore nuovo dei capelli
ti facesse incazzare e non ti facesse uscire per due giorni di casa

buona sfortuna
buona sfortuna
come te non c’è nessuna
e per fortuna
amore buon viaggio
e buona sfortuna

buona sfortuna
buona sfortuna
come te non c’è nessuna
e per fortuna
fai pure buon viaggio
che poi ti raggiungo
ma forse mi perdo

buona sfortuna

Articoli Correlati