K-pop | L’altra faccia della medaglia: i durissimi contratti degli idol

di Sara Greffi

Molte persone in tutto il mondo sognano di essere pop star, ma forse nessuno più dei sud coreani sogna di diventare un K-Idol. In Sud Corea molte persone sono ossessionate da ogni dettaglio della vita dei loro idol K-Pop e si sforzano di essere il più possibile simili a loro. Questo porta regolarmente ad episodi davvero strambi e particolari, il più delle volte controversi, ma ci si aspetta comunque che quei “fortunati” di K-Idol apprezzino comunque ogni aspetto della loro vita.

Ovviamente, nonostante la fama e la superficie dorata del successo, la vita di una star in Corea del Sud non è tutta rose e fiori. Soprattutto perchè dobbiamo immaginarci che in Corea, la popolazione ha una mentalità molto diversa dalla nostra. Per fare un esempio a noi vicino, possiamo immaginare l’industria d’intrattenimento coreana odierna, come quella della Hollywood anni ’30.

I contratti Slave sono “normali” nel k-pop

Solitamente, quando una persona si ritrova a dover firmare un documento chiamato “contratto schiavo”, ci penserebbe due volte. Infatti uno dei maggiori problemi dei contratti nel K-Pop è che, firmandolo, gli idol segnano per sempre la loro vita.

Secondo la pop star Prince Mak, solitamente un idol, all’inizio della sua carriera, si ritrova a firmare contratti che prevedono che per i prossimi 7 o 15 anni, la star deve solo stare con il suo team e fare esclusivamente ciò che gli viene detto dalla sua agenzia. Forse non suona così male; dopo tutto, questo contratto porta il vantaggio di essere famoso. Il problema è che quando sei un trainee, e sei nel periodo dell’apprendistato, questo periodo sembra non finire mai. Inoltre dopo il periodo di apprendistato la fama non è neanche garantita.

Si intravede la luce solo se dopo tantissimo tempo sei riuscito ad ottenere il tuo “debutto” da protagonista. E ciò potrebbe richiedere del tempo. Potresti esserti allenato fino a dieci anni prima di mettere piede su un palco o in uno studio di registrazione.

Dopo il debutto:

Anche quando diventi un nome noto, le cose non vanno meglio perché quel contratto a lungo termine che hai firmato probabilmente non ti ha lasciato spazio per fare soldi. Non importa quanto diventi famoso, la schiavitù non paga. Quando i membri della band femminile Stellar hanno raccontato a No Cut News della loro ascesa alla fama, le quattro ragazze dissero che dividevano regolarmente uno o due pasti al giorno per quanto erano al verde.

L’unico episodio positivo, molto simile allo scontro Davide contro Golia, lo riporta la BBC che ha riferito che il gruppo di ragazzi Dong Bang Shin Ki ha vinto un caso giudiziario per un contratto di 13 anni a basso costo contro un’etichetta discografica (SM Entertainment). Da specificare però, che loro sono una delle più grandi band K-Pop di tutti i tempi…

La prostituzione è abbastanza comune

A causa delle scarse possibilità di successo e di quanta energia bisogna investire per perseguire la carriera di idol, ci si ritrova spesso a barattare il sesso per la fama. Questo in ambito contrattuale potrebbe essere chiamato “sponsorizzazione” o “transazione”, ma in realtà è solo una parola per coprire legalmente la prostituzione. Seoul Beats ha riportato che ad una ragazza è stato persino chiesto di sposare un ragazzo ricco per cui lei non aveva interesse.

Lo stesso discorso vale anche per una carriera cinematografica o televisiva. Nel 2010, il Korea Joongang Daily ha riferito che il 60 % delle attrici avrebbe dovuto pagare i ruoli ottenuti con favori sessuali. Nei casi più gravi, alcune attrici sono state rese note a seguito di scandali legati alla prostituzione che le hanno portate al suicidio.

Questo problema è talmente diffuso nel k-pop che anche chi non ha mai venduto il proprio corpo per avere una sponsorizzazione non è fuori dai sospetti. Secondo LA Weekly, la band Oh My Girl è stata trattenuta per 15 ore al LAX dopo che i funzionari doganali le hanno scambiate per prostitute nel 2015.  L’allarme è scattato quando i controllori, perquisendole, le avevano trovate in possesso di un sacco di vestiti sexy nelle loro valigie. Ci è voluto del tempo prima che il problema fosse risolto. Spesso infatti, le giovani ragazze asiatiche molto avvenenti attirano attenzione e quindi è abbastanza comune che vengano perquisite più di frequente.

Molti K-idol ricorrono alla chirurgia estetica

Secondo The Atlantic, una donna coreana su cinque ha subito un intervento di chirurgia plastica, a differenza di una su 20 donne americane. Questo fenomeno dipende in gran parte dal fatto che il modello estetico di riferimento siano idol che a loro volta vengono incoraggiati dalle loro agenzie a fare uso della chirurgia estetica. Sebbene negli ultimi mesi sia di moda l’essere più acqua e sapone possibili (compresi i piccoli ritocchi), gli Idol coreani che si sottopongono alla chirurgia plastica sono praticamente ovunque e spesso si tratta di interventi invasivi e pesanti.

I motivi che spingono una persona a ritoccarsi possono essere i più vari. Ad esempio, se pensano che la loro faccia sia troppo rotonda, prenotano un’operazione. Tutto ciò che serve è una procedura incredibilmente dolorosa in cui la mascella viene rotta e rasata a forma di V. Questo ha lo scopo di renderli più simili a un personaggio anime. Non sto scherzando. Oppure ci sono genitori che regalano ai figli un intervento alla palpebra per rendere i loro occhi più grandi.

I k-idol femminili tendono tutte ad assomigliarsi. Hanno facce piccole, occhi grandi e nasino alla francese, mentre il mento è appuntito e le guance sono larghe. Sebbene alcuni cambiamenti per ottenere questo look siano evidenti, molti k-idol non ammettono pubblicamente di essere ricorsi alla chirurgia estetica. Questo sottolinea uno degli aspetti più evidenti e controversi di questa industria. L’ipocrisia è dilagante e tutto deve essere nascosto e mantenuto brillante in superficie.

Inoltre, come accennato prima, la chirurgia potrebbe essere anche una scelta imposta, più che spontanea. Se il tuo manager dice che devi andare sotto i ferri per essere abbastanza bello da essere una star, probabilmente lo farai.

Gli Hater (Anti-Fan) provano ad uccidere i K-Idol

Questo è un argomento abbastanza delicato. Non bisogna generalizzare, ma pensare che all’interno di una società molto individualista, ci sono persone che possono reagire alle pressioni in maniera diversa. Alcune di queste prendono troppo a cuore la vita di un k-idol e altre invece li vedono come bersagli per scaricare il loro odio… a tal punto, che in alcuni casi possono provare ad ucciderli.  Infatti le star del K-Pop non hanno solo fan come la maggior parte dei gruppi. Hanno anche anti-fan. Questo può portare ad alcune situazioni spaventose.

Le azioni degli anti-fan possono variare da relativamente innocenti a forse mortali. Secondo All K-Pop, che ha stilato una lista di 10 degli attacchi più noti degli anti-fan, alle Girls Generation sono state spente le luci sul palco durante un concerto, mentre ai 2PM sono stati inviati mazzi di fiori che simboleggiano la morte in Corea.

Poi ci sono gli incidenti intermedi. Ad esempio, quando Jay Park dei 2PM decise di intraprendere la carriera solista, venne creata una petizione per  istigarlo a suicidarsi con 3.000 firme prima di essere rimossa. Oppure, a Kan Mi Yeon è stata inviata una busta con lame di rasoio e una minaccia di morte per aver cominciato ad uscire con un ragazzo di un altro gruppo.

Gli episodi più gravi

Purtroppo ci sono anche casi in cui un anti-fan ha davvero cercato di ferire fisicamente le persone. In quello che è probabilmente il più noto incidente anti-fan di sempre, una giovane donna anti-fan dei TVXQ ha consegnato con l’inganno a Yunho un drink con quello che lui credeva fosse il succo d’arancia, ma in realtà conteneva effettivamente della colla. Dopo averlo bevuto, infatti, si ritrovò a sentirsi male violentemente, vomitando in seguito.

Fu quindi ricoverato al pronto soccorso, dove rimase in ospedale per diversi giorni. Invece di sporgere denuncia contro l’anti-fan, tuttavia, ha scelto di perdonarla poiché la ragazza aveva la stessa età della sorella minore.  In un altro caso, quando era ancora membro dei g.o.d, Yoon Kye Sang ha ricevuto un drink da un’anti-fan. Non sapendo che il donatore fosse un’anti-fan né che la bevanda fosse avvelenata, la consegnò a sua madre, che si ammalò violentemente dopo averla consumata. È stata quindi portata d’urgenza in ospedale, dove ha dovuto subire una lavanda gastrica.

Alcuni fan sono pazzi

Dall’altra parte, come se non bastasse avere degli anti-fan. L’impulsività e l’eccessiva emotività dei fan può essere un grosso problema.

Secondo l’Australian Broadcasting Corporation, il gruppo TVXQ aveva fan che manipolavano le loro linee telefoniche in modo da poter ascoltare le loro telefonate, e alcuni addirittura alcune ragazze irruppero nei loro appartamenti in modo da poterli “baciare nel sonno”.  Poi ci sono i private fan, ovvero fan davvero estremi conosciuti come Sasaeng. Queste persone arrivano fino all’installazione di telecamere nelle case dei loro k-idol preferiti e inviano loro lettere d’amore scritte con il sangue mestruale. Hanno anche lasciato urina e feci nelle case degli idol che perseguitano… Il problema è che queste persone sono fuori controllo e non hanno paura di diventare violente. I Sasaeng sono noti per attaccare sia le star che pensano non prestino loro abbastanza attenzione, sia altri fan che hanno avuto troppo affetto dai loro idoli. Il peggio è che non tutti pensano di essere pazzi.

Dormire è impossibile

Secondo Seoul Beats, il sogno di un idol coreano non sono i soldi o oggetti lussuosi ma avere qualche ora per dormire. SBS Pop Asia afferma invece che un giorno lavorativo medio di un k-idol può essere di 20 ore, lasciando solo poche ore per dormire. E tra quelle preziose poche ore di sonno si ha costantemente una fotocamera in faccia, quindi è meglio essere vivaci e avere un bell’aspetto. Questo è probabilmente il motivo per cui essere ricoverati in ospedale per stanchezza è una prassi che capita spesso alle star. Krystal, delle f (x), è svenuta in diretta così tante volte che è quasi diventato una specie di marchio. Ad un certo punto stava facendo un concerto ed è svenuta con il microfono ancora in mano.

KpopStarz riferisce che, sovraccarico di lavoro,  quando Minho degli SHINee ha finalmente ottenuto un po ‘di tempo libero e si è addormentato a casa di un amico per 48 ore. Era così stanco che non si svegliò per due giorni, e non era nemmeno nel suo letto.

Le diete estenuanti

Nel K-Pop sia i ragazzi che le ragazze devono essere magri e magre, il che incoraggia diete estreme per perdere peso in un paio di settimane o anche solo in pochi giorni. E queste non sono solo voci. Hello K-Pop riporta che molte star hanno effettivamente ammesso di fare cose folli solo per perdere qualche chilo. Uno dei modi preferiti  per farlo sembra essere quello di scegliere un alimento a basso contenuto di grassi e a basso contenuto calorico e mangiarlo sempre. C’è la dieta dell’anguria, la dieta della lattuga e la dieta del cetriolo. Non hanno bisogno di molte spiegazioni. Prendi un cibo e lo mangi solo fino a quando non sei soddisfatto del numero sulla bilancia.

Poi c’è la dieta del bicchiere di carta. Prendi un bicchierino di carta e lo riempi con quello che vuoi, purché sia ​​sano. Quindi mangi solo cibi che ti fanno bene in porzioni incredibilmente piccole.  Secondo All K-Pop, essere magri è così importante che proprio i CEO delle case discografiche supervisionano i pesi delle star della loro scuderia. Se il numero è troppo alto, ai k-idol viene detto di perdere peso immediatamente. E loro lo fanno.

Il razzismo è ovunque

SBS Pop Asia ha riferito che Fei delle Miss A ha dichiarato durante un’intervista che durante i suoi primi giorni da idol era tormentata da persone che pensavano che facesse la doccia solo una volta alla settimana perché era cinese. La cantante Shannon è stata più volte chiamata straniera e con commenti negativi su di lei, anche se in realtà era per metà coreana… e ci sono episodi di razzismo più gravi nel caso in cui la star presa di mira abbia un colore di pelle scuro. Una performer del reality show K-pop Star è arrivata tra le prime cinque ma non è riuscita ad andare avanti quasi certamente perché era per metà afroamericana. I sudcoreani sembrano voler che le loro pop star siano solo coreane e nient’altro.

Allo stesso tempo, capita anche ad alcuni gruppi di fare razzismo contro altri artisti. Il gruppo Mamamoo, ha dovuto scusarsi nel 2016 per aver usato la blackface per interpretare Bruno Mars in una cover di Uptown Funk. Spin ha scoperto che G-Dragon, il cantante dei Big Bang, ha fatto la black face non una ma ben due volte! Ha pubblicato uno scatto su Instagram mentre cercava di somigliare a Trayvon Martin.

In seguito ha affermato che l’incidente era un “ENORME malinteso”… ma già una volta in un video, ha fatto la black face per assomigliare ad Andre 3000. Inoltre, sempre un membro degli Mamamoo, Hwasa, ha cantato una cover di Irreplaceable di Beyoncé e pronunciando la parola n**** solo pochi mesi dopo aver rilasciato con il gruppo il video di Decolamanie con una scena che incita allo stupro.

Il razzismo in Corea del Sud, in particolare a fini di intrattenimento, è diventato un tema caldo nel paese.

I K-Idol devono esibirsi anche quando sono feriti o indisposti

Come riporta SBS Pop Asia, uno dei membri delle Stellar una volta salì sul palco indossando un tutore per il collo. Potrebbe sembrare una follia, ma è abbastanza comune nel k-pop esibirsi nonostante si sia in un periodo di convalescenza. Prima eseguire la performance, la ragazza ha assicurato ai fan di stare bene e ha iniziato ballare la complessa coreografia. Allo stesso modo, un membro della boy band EXO una volta si esibì nonostante la sua evidente cavigliera.

Anche se si sta male mentre ci si esibisce, è meglio essere pronti a continuare senza lamentarsi. SinB di GFriend si è slogato la spalla mentre ballava durante un’esibizione ma ha continuato. Un membro della BTS, Jungkook, si è tagliato la mano e ovviamente sanguinava, ma non ha ricevuto aiuto per la sua ferita fino a quando il numero non è finito. E il G-Dragon dei Big Bang è caduto in un buco nel palco, ma nonostante alcuni “piccoli graffi”, ha continuato ad andare avanti con il concerto.

Anche quando sei davvero ferito al punto che non puoi muoverti devi comunque trovare un modo per presentarti ed esibirti. Durante un concerto, Amber delle f (x), si era rotta la caviglia di recente e quindi non poteva ballare per quanto le faceva male, ma era ancora lì sul palco per numerose esibizioni, seduta su uno sgabello, cantando a squarciagola mentre il suo gruppo eseguiva la routine intorno a lei.

C’è poca libertà creativa

Inutile dirvi, che in un settore così pieno di restrizioni, ci sia da stupirsi se molti k-idol non siano liberi di poter scrivere ciò che vogliono nei testi che cantano. Australian Broadcasting Corporation ha riferito che alcune band hanno abbandonato la la loro etichetta discografica nella speranza di scrivere qualcosa di un po’ più personali. Allo stesso tempo, anche molti fan hanno firmato petizioni per promuovere il cantautorato di autori coreani.

Attualmente i BTS e i Winner sono conosciuti come alcuni dei gruppi di k-pop che stanno promuovendo un nuovo concetto di artista in rapporto alla musica. Puntano più alla creazione di musica personale che al loro status di idol.

Articoli Correlati