Il suicidio nel mondo del K-pop

di Sara Greffi
suicidio k-pop

Quando si vuole approfondire il mondo del k-pop, ad un certo punto, ci si ritrova a parlare di suicidio. E in molti scopriranno che la Corea del Sud è uno dei 10 paesi al mondo con il più alto tasso di suicidi. Non solo una percentuale maggiore di persone si uccide qui ogni anno , l’atto stesso di togliersi la vita è strettamente legato ad altre condizioni di malessere derivanti dalla società coreana.

Spesso questi atti possono derivare dalle pressioni di un’economia “ipercompetitiva” (ad esempio un padre disoccupato da lungo tempo). Il suicidio di uno studente potrebbe derivare da un punteggio basso su un importante esame di ammissione all’università , il suicidio di una giovane donna potrebbe derivare dai commenti degli haters sui social media (o anche dal fallimento di una procedura di chirurgia estetica).

Parlare di malattie mentali e depressione è un taboo

In Corea del Sud, la malattia mentale è un tabù, anche all’interno di una famiglia. Oltre al 90% delle vittime di suicidio potrebbe essere diagnosticato un disturbo mentale, ma solo al 15% viene dato un trattamento adeguato. Oltre due milioni di persone soffrono di depressione ogni anno in Corea del Sud, ma solo 15.000 scelgono di ricevere cure regolari.

Poiché le malattie mentali sono sottovalutate nella società coreana, le famiglie spesso scoraggiano le persone con malattie mentali dalla ricerca di cure. Viene considerata come un’onta all’onore e la rispettabilità della famiglia. Dal momento che esiste un forte stigma negativo nel trattamento delle malattie mentali, molti sintomi passano inosservati e possono portare a molte decisioni irrazionali tra cui il suicidio. Inoltre, l’alcool è spesso usato per automedicare e una percentuale significativa di tentati suicidi si verifica mentre si è ubriachi.

Una pressione sempre crescente

Se la società sudcoreana impone aspettative esigenti per la vita di una persona ordinaria, figuriamoci per coloro che vivono sotto i riflettori.  Avevamo già parlato dell’ambiente competitivo e delle rigide regole che i trainee e gli idol devono rispettare per rimanere  a galla e degli standard socio culturali coreani. E se questo può sembrarvi abbastanza, ad aggravare la situazione ci sono altri piccoli meccanismi che rendono impossibile la vita di una star in Sud Corea.

Negli ultimi anni, internet e i social network hanno contribuito ad appesantire la pressione di chi fa parte di questo settore. In tutto il mondo, la battaglia contro il cyberbullismo sta diventato una priorità (in Corea del Sud hanno promulgato una legge a riguardo) perché aumentano sempre di più le vittime di questo fenomeno e spesso la vicenda ha un finale tragico.

La pericolosità di internet

Uno studio in corso ha messo in evidenza che  su 1.573 studenti delle scuole superiori, l’1,6%  soffriva di dipendenza da Internet e che il 38,0% era a rischio dipendenza da Internet.  Gli studenti con o a rischio di dipendenza da Internet hanno avuto un più alto tasso di suicidi rispetto a quelli senza dipendenza da Internet.

Le offese  online si fanno strada anche nella vita delle star, perfino in quelle dalla personalità più forte. Perché vengono bersagliate ogni giorno. Il pretesto per mandare odio a qualcuno (in questo caso una celebrità) nasce da qualsiasi cosa: dalle loro abilità di canto o recitazione alle loro vite private.

Spesso gli idol non hanno neanche la forza di denunciare e difendersi legalmente perché significherebbe investire energie in qualcosa che continuerebbe a ricordargli il male subito o che potrebbe deluderli per la mancata giustizia (specialmente nei casi di molestie sessuali. Il tutto può essere considerato  la goccia che fa traboccare il vaso per una persona già stanca di vivere in un ambiente tossico.

Il suicidio nel Kpop

“Fin da piccoli vivono una vita meccanica, attraversando un regime di allenamento spartano”, ha dichiarato Lee Hark-joon, un giornalista sudcoreano che ha prodotto un documentario televisivo sulla realizzazione di un gruppo di ragazze K-pop e ha scritto il libro  K-pop Idols: Popular Culture and the Emerg of the Korean Music Industry.

“Raramente hanno la possibilità di sviluppare una normale vita scolastica o normali relazioni sociali come fanno i loro coetanei. La loro caduta può essere improvvisa e drammatica quanto la loro ascesa al culmine della fama, e tutto in giovane età. La loro è una professione particolarmente vulnerabile al disagio psicologico: sono esaminati 24 ore su 24 sui social media e le notizie false sulla loro vita privata vengono diffuse all’istante”

Quando la star del K-pop Sulli, ha posto fine alla sua vita ad Ottobre 2019 , la sua collega  Goo Hara ha dimostrato tutto il suo dolore, dicendo addio alla sua migliore amica in un video in streaming live e assicurando che stava bene e avrebbe ricordato per sempre la ragazza. Ma sei settimane dopo la morte di Sulli, la stessa  Goo è stata trovata morta nella sua casa a Seoul a causa di quello che la polizia ha dichiarato fosse suicidio.

I suicidi a breve distanza di queste due star del K-pop hanno lasciato i fan sudcoreani nello sconforto più totale. Ma allo stesso tempo, questi due eventi sono stati la goccia che ha fatto traboccare il vaso dell’indifferenza.

L’effetto di Werther

Secondo l’effetto di Werther, alcune persone si suicidano come reazione a un altro suicidio. Questo vale anche per la Corea del Sud. Secondo uno studio, la Corea del Sud subisce un’ondata di suicidi dopo la morte di celebrità.  Lo studio ha scoperto che tre degli undici casi di suicidio con celebrità hanno provocato un tasso di suicidio più elevato della popolazione. Il grado di copertura mediatica dei suicidi delle celebrità influisce sul grado di aumento dei tassi di suicidio. Oltre all’aumento dell’idea suicidaria, i suicidi delle celebrità portano le persone a usare gli stessi metodi per suicidarsi. Dopo la morte dell’attrice Lee Eun-ju nel 2005, più persone hanno usato lo stesso metodo di impiccagione.

La storia di Jong-hyun e Sulli

Nel 2017, Sulli, ha partecipato a un memoriale per un’altra stella K-pop, Kim Jong-hyun , che si era ucciso dopo aver confessato di soffrire di depressione. È stato trovato incosciente in una stanza d’albergo dai paramedici dopo aver inviato un messaggio suicida a sua sorella e in seguito è stato dichiarato morto all’arrivo in ospedale. È stata trovata sul telefono una nota sul suicidio che evidenziava la sua lotta contro la depressione di cui aveva parlato per molti anni. In particolare c’erano scritte parole come “Sono rotto dentro” e “Odio me stesso”.

Sulli, 25 anni, si è tolta la vita dopo essersi lamentata di aver ricevuto ripetuti attacchi e offese misogine su Internet, soprattutto dopo essersi unita a una campagna femminista che sosteneva di non indossare reggiseni .

La storia di Goo Hara

28 anni. Ex membro del popolarissimo gruppo femminile K-pop Kara, è l’ennesima vittima degli attacchi online. Gli hater avevano diffuso voci secondo cui il suo vero aspetto sarebbe stato paragonabile a quello di un mostro se non fosse ricorsa alla chirurgia plastica. E questo solo perché in passato Goo Hara aveva ammesso di essersi ritoccata gli occhi cadenti.
La situazione è peggiorata quando ha rotto con il suo fidanzato, Choi Jong-Beom. Infatti, si sparse la voce che giravano filmati intimi della coppia.

La ragazza allora aveva cominciato a lamentarsi dei suoi problemi di “salute mentale” e “depressione” su instagram. (Dopo la sua morte, tali post sul suo account Instagram sono stati rimossi.) A volte, sembrava disperata, invitando i suoi hater ad avere pietà.

“I professionisti dello spettacolo come me non hanno vita facile. Le nostre azioni vengono messe costantemente sotto i riflettori, più di chiunque altro. Se si soffre per qualche problema non possiamo nemmeno discutere con la nostra famiglia e gli amici”, ha detto in una live. “Potete cercare di mostrare un po’ più di umanità e riflettere prima di pubblicare i vostri commenti pieni d’odio online?”

La situazione con il suo ex-fidanzato, il signor Choi, è diventata particolarmente controversa. Lei lo ha citato in giudizio l’anno scorso, accusandolo di minacciarla di diffondere dei filmati intimi. Nel mese di agosto, è stato condannato a un anno e mezzo di carcere con l’accusa di ricatto, coercizione e molestie contro Goo. Ma la sua pena per la prigione è stata sospesa dal giudice, rendendolo nuovamente libero dopo pochi giorni.

Il suicidio di Goo Hara è il penultimo decesso nel mondo del kpop. Inseguito alla sua scomparsa, il numero di persone che hanno sostenuto una petizione online   chiedendo al presidente Moon Jae-in una punizione più severa per le molestie sessuali, è più che raddoppiato arrivando a 217.000 firme.

Il governo cerca una soluzione al suicidio

La Corea del Sud ha implementato le Strategie per prevenire il suicidio.  Lo STOPS è un progetto le cui iniziative mirano a sensibilizzare l’opinione pubblica, migliorare la comunicazione dei media sul suicidio, limitare l’accesso ai mezzi pericolosi e migliorare il trattamento dei depressi suicidi pazienti. Tutti questi metodi mirano ad aumentare la consapevolezza pubblica e il sostegno governativo alla prevenzione del suicidio.

 

Articoli Correlati