Sanremo 2019: Daniele Silvestri “il messaggio di Argentovivo è dedicato ai genitori degli adolescenti” | VIDEO INTERVISTA

di Alberto Muraro

Argentovivo (sì, scritto tutto attaccato!) è il titolo del magnifico brano che il cantautore romano Daniele Silvestri ha presentato al Festival di Sanremo 2019, trasmesso da Rai Uno dal 5 al 9 febbraio.

La canzone, collaborazione con il rapper Rancore, è un brano viscerale, intenso, cupo che racconta, con estrema originalità, la storia di un giovane ragazzo. Argentovivo è una sorta di lettera, lo sfogo di un giovane  che vive la propria casa e la propria famiglia come una prigione.

Con questo brano, Daniele Silvestri ci ha conquistati, fin dal primo ascolto. L’adolescenza, e ci siamo passati ormai (quasi) tutti, è un momento delicato, dove spesso ci sentiamo incatenati e pronti ad esplodere.

La redazione di GingerGeneration.it ha avuto la fortuna di incontrare Silvestri proprio in occasione del Festival di Sanremo 2019. Ecco dunque con quali parole Daniele Silvestri ci ha parlato del messaggio di questo piccolo capolavoro:

Argento Vivo sarà uno dei singoli contenuti nel nuovo disco di Daniele Silvestri, in uscita il 3 maggio e intitolato Scusate se non piango. All’album, Daniele Silvestri ha lavorato con i suoi storici produttori Daniele Tortora e Fabio Rondanini. Ecco con quali parole l’artista ha commentato il suo nuovo progetto:

E’ un disco che ho voluto far uscire in dispense, in un momento in cui ragionare per dischi è quasi anacronistico. E’ divertente usare le novità di questo mondo per affacciarsi sul mondo stesso in altri modi. Il primo era un 45 giri danzereccio, il secondo comprende la canzone di Sanremo e un’altra canzone, ‘Blitz gerontroiatico’, due rap. Poi arriverà il terzo 45 giri e infine il disco”.

Che cosa ne pensate di Argentovivo di Daniele Silvestri?

Articoli Correlati