Gigi d’Alessio: è polemica per la copertina del nuovo disco, ecco cos’è successo

di Alberto Muraro

Ieri pomeriggio Gigi d’Alessio, massimo esponente della scena meomelodica napoletana, ha pubblicato sui suoi profili social la copertina del suo nuovo album intitolato 24 febbraio 1967: la cover del disco nient’altro è che la carta di identità del cantautore di Non dirgli mai, con tanto di dati anagrafici e foto di riconoscimento.

Secondo Gigi d’Alessio stesso, la copertina rappresentava il miglior modo per presentarsi ai suoi fan, senza filtri e con tutta onestà. Ecco le sue parole e il post relativo:

La copertina del mio nuovo disco,la mia carta d’identità.Credo non ci sia nulla di meglio che raccontarsi con sincerità per farsi conoscere

Tutto molto bello, caro Gigi, peccato che l’idea a quanto pare non fosse proprio del tutto originale: a poche ore dalla pubblicazione dell’immagine, infatti, il figlio di Pierangelo Bertoli, Alberto Bertoli, ha messo mano al suo profilo Instagram sottolineando la somiglianza, evidente, fra la copertina del disco di Gigi d’Alessio con quella dell’album Eppure Soffia del compianto padre, uscito nel 1976.

Ciao @gigidalessioreal e sono il figlio del signore coi baffi nella foto a destra. La copertina del tuo cd è molto bella, ma non so come mai ha qualcosa di molto famigliare…io e la mia famiglia ci chiediamo se sia un caso ?.

Che ne pensate di questa polemica? Secondo voi Gigi d’Alessio ha copiato l’idea di Pierangelo Bertoli?

Articoli Correlati