Emma Watson: il discorso per la festa della donna

di Federica Marcucci

Emma Watson e la sua campagna HeForShe fanno un altro passo in avanti verso l’uguaglianza tra i generi. Puntando sempre sulla questione del femminismo (un concetto da comprendere e non da demonizzare), l’attrice britannica e la sua associazione hanno voluto lanciare una nuova iniziativa per celebrarlo. In occasione della festa della donna, la Watson ha tenuto una conferenza stampa in cui ha annunciato HeForShe Arts Week: una settimana di celebrazione dell’uguaglianza tra i generi attraverso le arti che si terrà a New York. Per celebrare l’inaugurazione dell’evento Emma ha invitato a parlare importanti personalità come, Chirlane McCray (First Lady di New York),  Phumzile Mlambo (direttore esecutivo UN Women) e l’attore Forest Whitaker.

Nel corso del suo intervento Emma Watson ha affermato: “Dobbiamo fare di più che aiutare le persone a vedere la logica [nell’uguaglianza di genere] con le loro menti. Dobbiamo fargliela sentire nelle loro ossa. In modo viscerale, emozionale. Questo è quello che ci fa cambiare, quello che ci fa agire.” L’attrice ha anche ricordato la sua prima, brutta esperienza di sessismo, ossia quando durante la festa dei suoi 18 anni anni i paparazzi sdraiati sul pavimento provavano a fotografarla sotto la gonna. L’attrice ha anche aggiunto che l’uguaglianza di genere si raggiunge attraverso una pratica quotidiana e costante da parte di tutti: “Penso che sia come viviamo la nostra esistenza, come viviamo i nostri giorni quotidianamente”.

Che cosa ne pensate dell’intervento di Emma Watson nel giorno della festa della donna?

Articoli Correlati