Domani.. esami di maturità!

di admin

L’abbiamo aspettato e temuto tutto l’anno, questo giorno: domani iniziano gli esami di stato e abbiamo una gran confusione in testa. La termodinamica e lo stile di Seneca, i poemi di Milton e gli studi di funzione, la seconda guerra mondiale e le placche tettoniche.. tutto si mescola nel gran calderone della nostra memoria nella notte prima degli esami.

Abbiamo chiesto alla redazione di Ginger Generation di ricordare le sensazioni provate nella fatidica notte: è emerso con forza un elemento comune, la percezione di stare vivendo un momento unico della propria vita!

Le esperienze della redazione
"Ho ripassato e studiato tutta la notte prima dell’esame – racconta Diego – sono arrivato la mattina con una carica di adrenalina paurosa! Durante i giorni degli esami andavo sempre a letto alle 4 e mi svegliavo alle 6: il giorno della prova di matematica sono anche arrivato in ritardo, così tutta la classe ha dovuto aspettarmi e iniziare mezz’ora dopo. Alla fine però è andata benissimo: per quella prova ho preso 15!"

"E’ stata una notte così traumatica che l’ho rimossa dalla mia memoria!" – afferma Marella, mentre Camilla è riuscita a dormire senza problemi: "Io ero abbastanza tranquilla, non ho avuto nemmeno il tempo di realizzare cosa stava accadendo: dopo soli 3 giorni dagli scritti ho fatto l’orale e il tempo è volato".

Enrico racconta che nei giorni precedenti all’esame ha passato tantissimo tempo al telefono con la fidanzata, con cui ha anche litigato! "Per fortuna ero sempre circondato dai miei amici, che aiutavo a studiare (io ero il più bravo) e che mi hanno aiutato a superare il momento facendomi concentrare sugli esami .. per rilassarci abbiamo anche giocato tantissimo a calcio" Antonio, invece, il giorno prima dell’esame ha pensato di distrarsi con un lungo giro in moto "per stemperare l’ansia".

Barbara ha un ricordo molto intenso e particolare della sera prima degli esami: "Mio padre mi ha fatto conoscere un suo amico intellettuale – racconta – che mi ha parlato di matematica, storia, scienze.. mi ha fatto capire che la vera cultura non si impara a memoria, che le materie sono tutte collegate tra loro e non divise in compartimenti stagni. Questo mi ha tranquillizzata tantissimo e, il giorno dopo, la versione di greco mi è venuta così bene che ho suggerito a tutti!"

"E’ stato il periodo in cui ho mangiato di più in tutta la mia vita: ero nervosissima – ci spiega Paola – La sera prima dell’orale ero in crisi per le domande di fisica e matematica: avevamo il commissario esterno e nella mia classe nessuno andava bene in quelle materie. Stavo perdendo ogni speranza quando .. sorpresa! Il mio ragazzo mi ha raggiunta a Milano (lui è di Viareggio): lui faceva lo scientifico, così mi ha spiegato per filo e per segno cosa avrei dovuto dire per stupire la commissione. Beh, ha funzionato!"

Silvia ha un solo consiglio da dare a chi domani deve sostenere l’esame di stato: "non ascoltate la canzone di Venditti Notte prima degli esami! Ricordo che quando ho fatto la maturità era considerata portatrice di iella!"

In bocca al lupo a tutti dalla redazione di Ginger Generation!

Leggi anche: Speciale maturità: la prima prova

Immagini:
1: una scena dal film "Notte prima deglie sami 2"
2: Enrico e Diego della redazione
3: Camilla
4: Marella

Articoli Correlati