Amici 2011, puntata di domenica 30/01. Antonella Lafortezza è l’eliminata della settimana.

di admin

Eccoci giunti all’appuntamento con il resoconto della quarta puntata serale di “Amici”! A furor di popolo e per la gioia del festeggiato Rudy Zerbi (era il suo compleanno), torna Diana Del Bufalo: nessun ripescaggio a suo favore, ma una divertente esibizione in perfetto stile Marilyn (Monroe, ovviamente!). Maria De Filippi e quei “geniacci” dei suoi autori hanno ordito tutto alla perfezione: all’inizio della puntata la conduttrice ha chiesto a Zerbi se a lui piacesse Marilyn Monroe e quale fosse il giorno del suo compleanno, dopodichè un’enorme torta rosa ha fatto il suo ingresso in studio. A quel punto, inguainata in un sexy abito di paillettes nere, Diana -la vera star della serata- è uscita dalla torta e ha cantato Happy birthday to you con l’ironia  e l’innato humor che da sempre la contraddistinguono… Fantastica Diana! La sorpresa è perfettamente riuscita e non solo: l’inizio della puntata è stata anche l’occasione giusta per ricordare a tutti che da mercoledì 9 febbraio, in seconda serata, la simpatica (ormai ex) cantante del talent condurrà “Mai Dire Amici” insieme alla Gialappa’s. E’ proprio il caso di dire… UAU!

Vanoni, Bertè, Renga e Biondi duettano con i ragazzi della scuola

La formula dei duetti con i “Big” della canzone italiana (per usare il gergo sanremese!) è stata riproposta con successo anche ieri sera, tant’è che dopo la sigla la gara è entrata subito nel vivo con l’esibizione di Ornella Vanoni e Virginio Simonelli, che hanno cantato Senza fine. La Vanoni ha talmente apprezzato il giovane cantante dei Bianchi che, prima di salutarlo, gli ha detto: “Tu scrivi, mandami qualcosa..”. Cha Virginio abbia finalmente trovato il suo pigmalione? Gli altri duetti della serata non sono stati da meno, a partire da quello di Mario Biondi e Annalisa Scarrone, I’ve got you under my skin. Francesco Renga e Antonella Fortezza hanno poi cantato l’ultimo singolo del cantautore bresciano Un giorno bellissimo. La povera Antonella, che ha la febbre alta da sabato, non è riuscita a dare il meglio di sé in questo duetto ed è toccato a Maria De Filippi difenderla di fronte all’agguerrita coppia Maionchi-Platinette. Ma l’esibizione più attesa è stata quella di Loredana Bertè e Francesca Nicolì (per la Bertè, è chiaro). Le due “ribelli” hanno cantato Non sono una signora e, nonostante qualche problemino (la Bertè continuava a dire “Abbassa la base!”) il duetto è stato il migliore di tutti. Grande Loredana, e bisogna ammettere che anche Francesca è stata brava! Serata importante anche per i ballerini, che sono stati molto apprezzati dai rappresentanti di Complexions e English National Ballet School, ospiti in studio con il compito di osservare gli allievi di “Amici” e di sceglierne uno a testa per un contratto di lavoro della durata di un anno. Il verdetto a questo proposito sarà reso noto più avanti.

Dopo l’eliminazione di Antonella, Jurman annuncia: “Me ne vado perchè qui non ho più nulla da insegnare”.

La quarta puntata di “Amici” è stata vinta per un soffio dai Blu, con il 51% delle preferenze al televoto. Ma quest’anno, a quanto pare, è sempre molto difficoltoso scegliere l’eliminato/a, perchè tutti i concorrenti nominati uno dopo l’altro dalla squadra avversaria finiscono per essere sistematicamente riconfermati dalle Commissioni. Così, anche questa volta, è stato il voto da parte di tutti i giudici presenti a determinare l’eliminazione di  Antonella Lafortezza, l’allieva che ha ottenuto la media più bassa tra tutti. Antonella, in lacrime, è stata confortata dal suo vocal coach Luca Jurman, che le ha assicurato di voler continuare a seguirla. E non solo: al termine della puntata Jurman -che con Antonella ha perso la sua ultima allieva nella scuola- ha annunciato che la sua esperienza all’interno del talent è finita perchè, come ha detto, “Ormai qui non ho più nulla da insegnare”. Nonostante Maria De Filippi abbia insistito affinchè il vocal coach cambiasse idea, pare proprio che non sarà così. Vedremo.

Articoli Correlati