Twilight: la forza di volontà di Edward Cullen

di admin

E’ ormai da qualche settimana che Twilight è uscito nelle sale cinematografiche e molte di voi saranno di certo corse a guardarlo. Abbiamo già descritto alcune delle qualità che rendono Edward Cullen un ragazzo praticamente perfetto. Oggi parliamo di un aspetto che vale la pena sottolineare a proposito della storia d’amore tra Edward e Bella e del modo in cui vivono i vampiri della famiglia Cullen raccontati da Stephenie Meyer: la forza di volonta. Curiose? Leggete, leggete..

Edward Cullen e la forza di volontà
Un particolare tema su cui poter riflettere, guardando questo film, rigurda il valore della volontà.
Non è un particolare da poco il fatto che i Cullen, la famiglia di vampiri di Edward, abbiano preso la decisione di non bere il sangue degli uomini ma solo quello degli animali: questo è l’autocontrollo imposto dal padre, Carlisle.
La difficoltà di attuare questa pratica riguarda il fatto che i vampiri sono "naturalmente" attratti dal profumo degli umani e che, se non decidessero liberamente, di frenarsi, potrebbero ucciderli.
Questo fatto condiziona pesantemente il rapporto tra Bella ed Edward, al punto che, quando si baciano, Edward deve costringersi a fermarsi, altrimenti perderebbe il controllo.
Così deve fare anche alla fine del film, quando, per salvarla, deve stare attento a bere solo il veleno nel sangue di Bella, e poi smettere.
Significative sono le parole di Carlisle a questo punto del film quando esorta Edward a fermarsi: Carlise infatti crede nella forza di volontà di Edward e sa che non ucciderà Bella.

Un amore tormentato
Da questi stralci di dialoghi e scene, possiamo davvero addentrarci nel film e pensare che, quello che si vuole trasmettere qui, sia un pò più profondo di una semplice storia d’amore.
Oltre infatti alla felicità che l’amore può portare, c’è anche una componente razionale in ogni storia, ed in fondo anche in questa.
In questo film è fortemente presente il ruolo che svolgono la libertà e la volontà di Edward, che per vero amore riesce a frenare i suoi istinti e le sue passioni.

Amore e passione
Questo non è per nulla scontato, e provoca non poco dolore nel protagonista: Robert Pattinson, in un’intervista per MTV, commenta così il suo ruolo: "Edward è un ragazzo tormentato". L’amore infatti, è anche questo: dolore e tormento. In un mondo, come quello di oggi, in cui tutto sembra mosso dalle mere passioni e dai cosiddetti sentimenti, ecco che in Twilight vediamo qualcosa di diverso.
Le passioni non regnano sovrane, ma possono e devono essere sottomesse alla ragione e controllate, per raggiungere il vero amore o comunque uno scopo.
Molti antichi poeti greci, pensavano, al contrario, che, la forza dell’amore e dei sentimenti avesse una potenza tale da sbattere l’uomo qua e là e da tenerlo soggiogato. Si legge, ad esempio, nelle poesie di Saffo: "Eros è come il vento potente che si abbatte spietato sulle querce del monte".
La verità è che l’amore inteso come passione, è solo un modo di leggere l’amore. Se pensassimo davvero di essere sottomessi alle passioni: ragazze, addio alla nostra libertà.
Invece, fortunatamente, abbiamo una testa che ci permette di valutare, giudicare, discernere: il vampiro Edward è il contrario del ragazzo moderno, in realtà. Infatti lo stereotipo di ragazzo di oggi parla in questo modo: "Me la sono sentita e quindi l’ho fatto", "Mi andava", "Non avevo voglia": tutto all’insegna del sentire del momento.
Se Edward avesse seguito il suo sentire, non ci sarebbe proprio nessuna Bella e nessun amore tra i due, perchè l’avrebbe già uccisa!

Il "sacrificio" d’amore
A volte, frenare le passioni e i sentimenti sembra "masochistico" ed infatti sentitelo:
– Edward: Così il leone si innamorò dell’agnello…
– Bella: Che agnello stupido…
– Edward: Che leone pazzo e masochista.
Ma è solo a costo di un duro sforzo che si ottengono le cose più belle che si possiedono nella vita, quali l’amore.
Questo può dar da pensare al modo in cui costruiamo le nostre relazioni, i nostri amori e innamoramenti. Infatti lo sforzo della volontà, all’apparenza, può risultare davvero un andare contro se stessi e contro la propria "natura". Ma forse, questo è necessario, per investire in qualche cosa di più grande: il soffrire spalanca le porte all’amare.

Un eroe d’altri tempi
Edward, per certi versi, è l’antimoderno perchè va controcorrente: compie le scelte più difficili.
Anche alla fine, sotto richiesta di Bella, lui comunque decide di non trasformarla in vampiro ma la bacia, perchè la ama così come lei è:
"Non ti basterebbe semplicemente una vita lunga e felice con me?"
Ma questo potrebbe aprire molte altre discussioni, sull’eternità dell’amore per esempio.

Cosa ne pensate ragazze?
Pensate che questo modo di comportarsi di Edward, possa insegnare qualcosa alle nostre relazioni umane?
Se siete interessate all’argomento e volete approfondirlo, commentate e chiedetelo.
Il rapporto tra amore reale, passioni, sentimenti, volontà, può essere tema per altri articoli: sul rapporto di coppia tra ragazzi, sulla differenza tra innamoramento e amore, sul matrimonio.

Leggi: "Edward Cullen o il ragazzo perfetto"

Leggi tutte le news su Twilight