Taylor Swift: Ecco il significato di ME!, easter eggs del video e teorie dei fan

di Laura Boni

Taylor Swift ha iniziato una nuova era, ma la vecchia Taylor è viva e vegeta e con lei tutti gli Easter eggs per i fan. Oggi, 26 Aprile, è uscito il suo nuovo singolo ME! featuring Brendon Urie dei Panic! At The Disco. Si tratta di un’allegra ed orecchiabile brano pop nella quale si sposano perfettamente i sound dei due artisti.

Il significato del testi di ME! di Taylor Swift:

Trattandosi di Taylor Swift, però, le parole delle sue canzoni sono importanti almeno quanto la musica. ME! è una canzone che parla dell’accettare la propria individualità e quella del proprio partner. Tay Tay, infatti, si rivolge direttamente al suo amato dopo una discussione (“So che sono impazzita al telefono” dice nella strofa) spiegandogli che tutti i suoi piccoli difetti sono ciò che la rende speciale e, soprattutto, se stessa.

La canzone parla del fatto che in una relazione le due persone devono accettare ed amare l’identità del proprio partner. Ecco cosa ha detto Taylor parlando della canzone:

Mi parla dell’accettare la propria individualità. Celebrarla ed esserne fieri. Le canzoni pop ti rimangono in testa e volevo farne una che facesse sentire le persone bene con se stesse.

A livello di testo la canzone mi ricorda il mood di un altro brano di Taylor, ovvero, Stay, stay stay tratta dal disco Red. Si tratta di una canzone molto controversa tra i fan, da molti considerata troppo leggera, ma a me a sempre divertito molto nella sua semplicità.

Leggi QUI testo e traduzione di ME! feat Brendon Urie!

Taylor Swift - ME! (feat. Brendon Urie of Panic! At The Disco)

Tutti gli Easter Eggs del video di ME!:

Ma passiamo al video! Taylor Swift ha voluto chiudere definitivamente l’era di Reputation in modo chiaro. Il video di ME!, infatti, si apre con un serpente (rigorosamente color pastello) che si aggira per la città, ma non appena apre la bocca si dissolve in tante colorate farfalle. Anche il mood cromatico di questo nuovo progetto è sicuramente diverso!

La prima cosa che tutti abbiamo notato è che nella scena d’apertura, nella quale Taylor e Brendon litigano (in francese!), lei gli chiede di non dire cose del genere davanti alle loro “figlie”, aka Meredith e Olivia, le due amatissime gattine della cantante.

Tutto il video di ME! è un’esplosione di colori pastello ed è ambientato a Parigi, proprio come il suo video di Begin Again.  Ma sono le citazioni a vari popolarissimi film a farla da padrone. Tutto il video è ispirato da Il Mago di Oz, ma troviamo anche citazioni di pellicole come Hairspray e Mary Poppins.

In una delle prime scene del video di ME!, Taylor Swift canta: “There’s a lot of cool chicks out there” e sulla parete dietro di lei si vede un quadro che ritrae la band country Dixie Chicks. Molti fan pensano che si possa trattare ad un indizio ad un possibile duetto con la band all’interno del disco.

Un altro tocco degno di Taylor Swift lo vediamo sui tetti di Parigi. Mentre lei è seduta sull’unicorno gigante (e tutti siamo concentrati su quello e sul suo vestito che si scioglie) li sotto appare la scritta”Lover”. Si tratta di un neon su uno dei tetti e sappiamo che queste cose non accadono mai per caso. Molti fan pensano si tratti del titolo di un’altra canzone del disco.

Il personaggio di Brendon Urie chiede a Taylor Swift di spodarlo sui tetti della città. Lei però non accetta ne fiori ne un anello, ma si convince solo con un gattino. In questa scena si possono leggere due indizi. Prima di tutto molti pensano che la cantante abbia adottato un nuovo gatto e che questo è il suo modo di presentarcelo.

La proposta di matrimonio, però, è la clue più importante. Nel video Look What You Made Me Do, infatti, c’era una scatolina vuota con la parola NO, che molti hanno letto come il suo rifiuto alla proposta di Calvin Harris. In questi giorni circolano voci su di un fidanzamento ufficiale con Joe Alwyn, che questa sia la conferma?! In fonda la canzone parla del loro rapporto.


Piccola nota di italianità! Nel video c’è anche uno dei suoi ballerini storici, il nostro Giuseppe Giofrè!

Articoli Correlati