Scuola: gli studenti scendono in strada

di admin

E’ giorno di protesta per gli studenti italiani. In parallelo allo sciopero nazionale di scuola, università e servizi esternalizzati proclamato da Usi-Ait e dai sindacati di base, cortei studenteschi hanno invaso novanta città. “Noi la crisi non la paghiamo” e “Svegliati Italia, i diritti non sono in vendita”: questi alcuni degli slogan pensati dagli studenti che sono scesi in piazza per protestare contro i tagli e la cattiva gestione della scuola pubblica italiana. Tra le bandiere, quelle dell’Unione degli studenti, della Rete degli studenti, di Rifondazione e del movimento Action, dell’Aran e dell’Usr.

La “sveglia” all’Italia intanto alcuni studenti l’hanno voluta dare anche simbolicamente, raggiungendo il palazzo del governo a Roma nella mattinata di oggi “armati” di orologi da tavolo: “La loro ora ormai è arrivata. Questa generazione non vuole che si perda altro tempo” affermano i leader della Rete degli studenti medi. Tuttavia le proteste non sono state solo pacifiche: tra gli studenti, alcuni più che gli striscioni hanno impugnato scudi di gommapiuma e caschi, infilandosi il passamontagna.

Tensione e fumogeni a Roma

Momenti di tensione si sono ad esempio vissuti a Roma, dove le forze dell’ordine sono intervenute durante la marcia degli studenti fino al Ministero della Pubblica Istruzione. E’ stata occupata per alcuni minuti la stazione Ostiense da centinaia di manifestanti. “Dalle prime ore di questa mattina – afferma in una nota la Questura di Roma – i contingenti delle forze dell’ordine sono stati impegnati nella gestione della manifestazione studentesca, che ha richiesto un significativo impegno ed equilibrio da parte delle risorse impegnate nell’attuazione dei dispositivi. All’iniziativa preavvisata se ne sono aggiunte ulteriori di minore portata, che hanno richiesto una riorganizzazione dei servizi, anche alla luce dei ripetuti cambiamenti di direzione del corteo rispetto a quanto preventivato in sede di preavviso dai promotori”. Sono già diverse decine le persone identificate, per le quali si sta valutando la posizione per la denuncia all’autorità giudiziaria per i reati di manifestazione non preavvisata e interruzione di pubblico servizio. “Le forze dell’ordine – prosegue la nota – sono state anche destinatarie di lancio di oggetti e fumogeni, hanno mantenuto le posizioni, gestendo i momenti di tensione con estremo equilibrio”. In particolare, un auto blu con lampeggiante acceso è stata bloccata dal corteo e palloncini pieni di vernice bianca e rossa e uova sono stati lanciati contro un cordone delle forze dell’ordine che sbarrava il passo agli studenti del corteo, mentre un’agenzia dell’Unicredit è stata presa di mira con qualche sassata.

Striscioni contro le banche a Milano

Save schools, not banks”: questo lo striscione di testa della manifestazione milanese organizzata dal Coordinamento dei collettivi. Il corteo, formato da diverse centinaia di ragazzi e partito da piazza Cordusio, si è diretto in parte verso il Provveditorato e quindi la sede di Moody’s, in parte invece verso la sede della Regione Lombardia. Momenti di tensione quando gli studenti del Coordinamento dei collettivi hanno tentato di fare irruzione nella sede italiana dell’agenzia di rating in corso di Porta Romana, presa di mira anche da secchiate di vernice e uova. Una manifestazione quindi che ha preso di mira le banche, su due delle quali gli studenti hanno incollato lungo il percorso cartelli con la scritta “Not our debt”, lasciando sacchi di spazzatura all’ingresso. Striscione anche davanti alla sede di BankItalia, chiusa simbolicamente per alcuni minuti con del nastro da cantiere: “Bce e Bankitaglia chiudono,via i Draghi speculatori, non pagheremo i vostri debiti”.

Le proteste intanto non sono concluse: soprattutto a Roma, ma anche a Milano e in altre città italiane già da domani e per numerosi giorni, strade e piazze saranno invase da nuovi cortei e proteste indette da vari associazioni e movimenti.

E tu cosa ne pensi delle proteste di oggi?

Foto: http://www.flickr.com/photos/[email protected]/2987045928/sizes/m/in/photostream/

Articoli Correlati