Sanremo Young: Rocco canta Il Pescatore di De Andrè. VIDEO!

di Laura Boni

Oggi è iniziata la gara teen di Sanremo Young ed Antonella Clerici ha fatto la padrona nel talent show di Rai 1. Rocco, 17 anni, per la sua prima esibizione ha cantato Il Pescatore di Fabrizio D’e André.

Guarda il video dell’esibizione di Rocco a Sanremo Young:

Rocco canta Il pescatore – video – RaiPlay

Rocco 17 anni, canta ‘Il pescatore’, canzone scritta da Fabrizio De André nel 1978

Sanremo Young è un programma condotto da Antonella Clerici in onda su RAI1 alle 20:30 dal 16 Febbraio e che in diretta dal Teatro Ariston di Sanremo per cinque imperdibili serate. I protagonisti di questo nuovo ed inedito teen talent sono 12 giovanissimi cantanti nati nel nuovo millennio che si sfideranno fino alla finalissima del 16 marzo.

La giuria di Sanremo Young è composta da Mara Maionchi, Rocco Hunt, Iva Zanicchi, Marco Masini, Cristina D’Avevna, Angelo Baiguini, Mietta ed Elisabetta Canalis.

SCOPRI QUI TUTTI GLI ALTRI CONCORRENTI DI SANREMO YOUNG:

ALEXÉF, 14 anni

MATTEO MARKUS BOK, 14 anni

LEONARDO DE ANDREIS, 17 anni

LUNA FARINA, 16 anni

ELENA MANUELE, 15 anni

BIANCA MOCCIA, 14 anni

OUIAM, 17 anni

ELEONORA PIERI, 16 anni

RAFFAELE RENDA, 17 anni

ROCCO, 17 anni

SHARON, 15 anni

ZAIRA, 14 anni

Testo di Il Pescatore:

All’ombra dell’ultimo sole
s’era assopito un pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.
Venne alla spiaggia un assassino
due occhi grandi da bambino
due occhi enormi di paura
eran gli specchi di un’avventura.

La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, …..

E chiese al vecchio ‘Dammi il pane,
ho poco tempo e troppa fame’
e chiese al vecchio ‘Dammi il vino,
ho sete e sono un assassino’.
Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno
non si guardò neppure intorno
ma versò il vino e spezzò il pane
per chi diceva ‘Ho sete, ho fame’.

La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, …..

E fu il calore di un momento
poi via di nouvo verso il vento
davanti agli occhi ancora il sole
dietro le spalle un pescatore.
Dietro le spalle un pescatore
e la memoria è già dolore
è già il rimpianto di un aprile
giocato all’ombra di un cortile.

La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, …..

Vennero in sella due gendarmi
vennero in sella con le armi
chiesero al vecchio se lì vicino
fosse passato un assassino.
Ma all’ombra dell’ultimo sole
s’era assopito il pescatore
e aveva un solco lungo il viso
come una specie di sorriso.

La, la, la, la, la, la, la, la, la, la, …..

Articoli Correlati