Paris Hilton arrestata per droga e subito rilasciata

di Francesca Parravicini

E Paris sale (nuovamente) agli onori della cronaca. Ma non per buoni motivi, cosa che francamente… è mai capitata? L’ultimo capitolo delle sue disavventure.

L’ennesimo fermo

La bionda ereditiera è stata fermata dalla polizia di Las Vegas mentre viaggiava in macchina con un amico, a causa di un fumo sospetto che fuoriusciva dai finestrini. A bordo diversi grammi di cocaina e un conducente sotto effetto di stupefacenti. Paris è stata trattenuta per qualche ora al Clark Country Detention Center per poi essere rilasciata mediante cauzione. Dal suo Twitter ci ha fatto subito sapere (cose profonde e interessanti) di essere "a letto guardando i Griffin. Amo questo programma! E’ così divertente! Stewie è il mio favorito 🙂 amo il suo accento. Vado a dormire, sogni d’oro a tutti".

L’insostenibile leggerezza di Paris

A questo punto si potrebbe fare una bella riflessione moralista sul fatto di non drogarsi, che è sbagliato, dannoso, eccettera eccetera, però in questo caso non credo sia necessario. Piuttosto sarebbe interessante porre l’accento sull’ultima parte della storia. La dolce Paris, dopo la breve permanenza in prigione, se ne è andata a letto come niente fosse, guardandosi pure i cartoni animati. Come dire: tutto è passato senza intoppi. Forse le persone un po’ assennate avranno trovato questa reazione un po’ troppo zen e per fortuna. Sniffare cocaina come bere un bicchiere d’acqua, senza perdere il sorriso e ovviamente, tenendo sempre i media aggiornati sulle proprie irrilevanti azioni. La fama si sa, non si costruisce con le sole luci. Nel caso di Paris ci si chiede su quale ineffabile ombra sia costruita la sua immensa, pantagruelica fama.

Articoli Correlati