Oscar 2010: The Hurt Locker ottiene 6 statuette, delusione per Avatar

di admin

La notte più lunga del cinema (edizione numero 82, presentata da Steve Martin e da Alec Baldwin) si è appena conclusa: per la prima volta nella storia degli Oscar ad una donna, Kathryn Bigelow, è stata assegnata l’ambita statuetta di "miglior regista", vittoria annunciata da un’emozionata Barbra Streisand. Grande delusione per James Cameron, ex marito della Bigelow, e per il suo "Avatar", che vince solo nelle categorie "tecniche": miglior scenografia, miglior fotografia e migliori effetti speciali.

Miglior Film (e non solo): "The Hurt Locker"

"The Hurt Locker", film del 2008 diretto da Kathryn Bigelow, ha ottenuto ben 6 statuette, le più importanti: miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura originale (scritta dall’attuale compagno di miss Bigelow, il reporter Mark Boal), miglior montaggio, miglior montaggio sonoro e miglior suono. La pellicola, il cui titolo è una locuzione presente nello slang militare ed indica un luogo molto rischioso, "imprevedibile", racconta la storia di una squadra di artificieri americani in Iraq. Il film ha sbaragliato un’agguerrita concorrenza: oltre al superfavorito "Avatar", infatti, "The Hurt Locker" ha "battutto"anche Tarantino ed il suo "Bastardi senza Gloria", "A Serious Man" dei fratelli Coen e "Tra le Nuvole" di Jason Reitman.

Migliori Attori

Jeff Bridges (classe 1949), battendo attori del calibro di Morgan Freeman ("Invictus") e George Clooney ("Tra le Nuvole"), ottiene il premio come "Miglior Attore Protagonista" per la sua performance in "Crazy Heart", in cui interpreta il ruolo di un cantante country alcolizzato. "Migliore Attrice Protagonista" è, invece, Sandra Bullock, 45 anni, che in "The Blind Side" si cimenta nella (drammatica) parte di una donna che salva dalla strada un ragazzino nero e lo trasforma in un campione di football. La Bullock, quest’anno, viene decretata  anche "Peggior Attrice" per la sua interpretazione in "All About Steve": questo succede solo qualche ora prima rispetto allo svolgimento della cerimonia degli Oscar, durante i "Razzie Awards", gli "Oscar al contrario" così famosi negli Usa. Per quanto riguarda gli attori non protagonisti, i vincitori sono Christoph Waltz, 53enne austriaco, grazie al ruolo del colonnello delle SS Hans Landa in "Bastardi senza Gloria", e Mo’nique, attrice comica che nel film "Precious" dà prova delle sue doti drammatiche interpretando la madre della protagonista.

 

Immagini della statuetta e di Sandra Bullock tratte da Flickr.com

 

 

 

 

Articoli Correlati