Matteo Macchioni: alla scoperta del tenore di Amici 2010

di admin

Il tenore di successo, Matteo Macchioni nasce a Sassuolo il 14 maggio 1983. Un ragazzo che, con la sua voce d’oro conquista tutto il pubblico di Amici. Non era mai successo che un cantante lirico riuscisse ad arrivare fino alla finale del talent show di Canale 5. Scopriamo insieme questo ragazzo dalle preziose doti che merita tutto il nostro rispetto e il nostro più caloroso affetto per essere riuscito a fare avvicinare il grande pubblico all’opera lirica.

Biografia

A soli sei anni inizia a studiare musica. Nel 2005 consegue, a pieni voti, il diploma di 1°livello AFAM (alta formazione artistica-musicale) in pianoforte. Nel 2007 consegue il diploma accademico di 2° livello AFAM sempre con il massimo dei voti. Sempre nello stesso anno, studia canto lirico col maestro Claude Thiolas e consegue presso l’istituto superiore di studi musicali A.Peri il compimento inferiore di canto. Svolge in seguito un’intensa attività concertistica in qualità di tenore, pianista solista e accompagnatore al pianoforte ottenendo consensi di critica e pubblico. Sono anni in cui Matteo si esibisce in diverse ed importanti serate presso eventi d’occasione. Nel marzo 2008 si è esibito, per esempio, a Villa Cesi in qualità di tenore in occasione della 58° serata  di gala RAGNO D’ORO-UNICEF. Sempre nel 2008 è giunto alle semifinali del Pavarotti Intenational voice competition, una competizione in cui si confrontano 50 voci liriche provenienti da 24 paesi del mondo. E’ stato il più giovane tenore a giungere alle semifinali e, nell’occasione, ha ricevuto gli apprezzamenti e sostegno del grande tenore Carlo Bergonzi.

Finale

Matteo Macchioni è diventato uno dei quattro finalisti del programma Amici di Maria De Filippi, classificandosi al quarto posto. Il suo primo EP, omonimo e prodotto dalla Sugar, uscirà sugli scaffali dei music store il 9 aprile. Al momento però, sono in vendita su iTunes i suoi primi due inediti firmati Tricarico, nonchè La Promessa e Guarda Sempre più in là.
Il gran talento lirico, si è inoltre aggiudicato tre serate di gala al Teatro Verdi di Salerno come protagonista di Elisir d’Amore di Donizetti, diretto dal maestro Daniel Oren.
Il tenore di successo è stato una rivelazione per questa edizione 2010 perchè ha saputo avvicinarsi ad un repertorio musicale più classico che lo ha portato in finale facendosi amare anche con un genere distante e completamente diverso dal giovanile pop. Il paragone col grande Andrea Bocelli è stato inevitabile.

Di sè stesso ha detto…

Matteo dice che i suoi difetti sono la timidezza e il fatto di non essere molto alto. Non si vergogna di nulla in particolare anche se si ritiene un ragazzo abbastanza pudico. Le sue qualità sono la determinazione : " Quando mi pongo un obiettivo, cerco sempre di raggiungerlo con tenacia"

Eccolo nel suo singolo inedito Guarda sempre più in là

Articoli Correlati