La sottoveste sopra la gonna

di admin

Che cosa si prova a lavorare con i malati di Alzheimer, gente che ha perso il proprio passato, non possiede un presente e non ha speranze per il futuro?

A questo domanda, l’autore, medico geriatra che dirige un Istituto per anziani a Como, ci risponde con questo libro. Ritratti di persone, oggi dementi, che in anni non lontani gioivano, amavano, lottavano, si barcamenavano. Uomini che sono giunti all’ultima stazione e non possono, non hanno il modo di contemplare il percorso che si sono lasciati alle spalle perché soffrono troppo, perché tutto in loro si sta sgretolando…

Si scopre però, che, nel grigiore che sembra accomunare le loro esistenze senza memoria, resta aperta la porta del dialogo, del rapporto e permane certamente la capacità di provare e provocare, affetti, sentimenti, emozioni. Simona P.

Si cerca di trasmettere a loro il valore di una vita a ottant’anni, non importa se ci si infila "la sottoveste sopra la gonna" quello che conta è esserci, oggi è un annaspare per tenersi a galla ma domani sarà un volare alto nel cielo!

Recensione di:   Simona Pozzoli

Autore: Bigatello B.
Editore: Marna
Genere: Narrativa
Pagine: 195

Articoli Correlati