Hellboy: the Golden Army

di admin

Nel 2004, il visionario regista e sceneggiatore Guillermo del Toro ha portato sul grande schermo l’eroe del fumetto di Mike Mignola Hellboy (Ron Perlman di Blade II, Alien: la clonazione). 
Il muscolosissimo agente segreto, con tanto di corna, coda e caratteraccio, era un Signor nessuno che sarebbe diventato il favorito di tanti ragazzi a appassionati del genere in tutto il mondo, compreso del Toro. 
Del Toro ha fatto conoscere il riluttante combattente del crimine ad un pubblico globale con la pellicola Hellboy, e lo spirito del film, le splendide scene d‘azione e gli ingegnosi effetti speciali lo hanno trasformato in un successo commerciale e di critica apprezzato sia dagli amanti del fumetto che dal pubblico in genere. 

L’odissea epica del cineasta continua con l‘action-thriller Hellboy: The Golden Army, film che segue il suo capolavoro del 2006, vincitore di tre Oscar®  Il labirinto del fauno.  Con muscoli più grandi, armi più potenti, moltitudini di mostri e un piccolo conflitto domestico, ritorna il nostro eroe rosso amante dei gattini. E questa volta prenderà a calci nel sedere molti più cattivi.

Sinossi
Hellboy (Ron Perlman) combatte la giusta battaglia quando il dovere lo chiama attraverso il suo "datore di lavoro‘: il top-secret Bureau for Paranormal Research and Defense (Istituto per la Ricerca e Difesa del Paranormale – un’agenzia clandestina creata nel 1943 da Roosevelt che utilizza tecnologie segrete, poteri misteriosi e una rete di operativi con poteri fuori dal comune per difendere il mondo dai più violenti esseri soprannaturali — noto anche come B.P.R.D.  Preferirebbe di gran lunga starsene rilassato a fumare un sigaro, bere una birra confezione da sei, con la sua pirocinetica fidanzata Liz Sherman (Selma Blair di La rivincita delle bionde, In Good Company) e i loro innumerevoli gatti. Ma il destino ha in serbo per loro progetti più importanti.  

Con la rottura di un’antica tregua tra l’umanità e i figli originari della Terra, sta per scatenarsi un putiferio. L’anarchico Principe degli inferi Nuada (Luke Gloss di Blade II, Unearthed) si è stancato di secoli di rispetto e ubbidienza verso il genere umano. Trama di risvegliare un esercito di macchine assassine a lungo sopite per riavere quello che appartiene al suo popolo; tutte le creature magiche dovranno essere libere di aggirarsi di nuovo per il mondo.  Solo Hellboy può fermare il tenebroso sovrano e salvare il nostro mondo dalla distruzione.

Si uniscono all’arguto demone dagli occhi d’ambra e alla sua infiammabile fidanzata gli interpreti principali del precedente Hellboy — tra cui il sensitivo e brillante essere anfibio del Bureau Abe Sapien (Doug Jones di Il labirinto del fauno, I fantastici Quattro e Silver Surfer) e il burocrate del B.P.R.D. Tom Manning (Jeffrey Tambor di Superhero Movie, Ti presento i miei).  Anche l’acclamato attore John Hurt (Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo, V per Vendetta) torna in questo nuovissimo episodio del franchise nei panni del padre ‚adottivo‘ di Hellboy (quello che lo ha salvato dai Nazisti)  il Professor Trevor Broom. 

Nuova della squadra è la faccia, ora pubblica, del prima clandestino medium ectoplasmico del B.P.R.D., Johann Krauss, ruolo condiviso da John Alexander (Mighty Joe Young, Gorilla nella nebbia: la storia di Dian Fossey) e dall‘esordiente James Dodd; la voce di Krauss è di Seth MacFarlane, creatore del grande successo della FOX Family Guy e voce maschile di tanti personaggi di questa serie televisiva.

Guarda il trailer di Hellboy: The Golden Army
 

Articoli Correlati