Chi sono gli Hatari, i cantanti dell’Islanda a Eurovision 2019 (biografia)

di Alberto Muraro
hatari

Gli Hatari sono senza ombra di dubbio la band più particolare e, diciamocelo, inquietante di questo Eurovision Song Contest 2019.

Il gruppo islandese si presenta alla competizione internazionale con il brano Hatrið mun sigra, un pezzo incredibile, che mescola techno e hard rock dando vita ad un prodotto a dir poco esplosivo. La canzone, di cui trovate testo e traduzione qui rappresenta al 100% lo stile del gruppo e il messaggio distopico che vuole esprimere con la sua musica.

Ecco il video ufficiale di Hatrið mun sigra degli Hatari.

HATARI – HATRIÐ MUN SIGRA

Chi sono gli Hatari: ecco le curiosità sui componenti!

hatari

Il gruppo è composto da tre ragazzi islandesi di nomeKlemens Nikulásson Hannigan, Matthías Tryggvi Haraldsson e Einar Hrafn Stefánsson. Il trio fa parte di un collettivo più ampio chiamato Svikamylla ehf. Con quest’ultima formazione, infatti, gli Hatari si sono presentati anche sull’orange carpet di Eurovision 2019.

Il gruppo ha un obiettivo: porre fine al capitalismo neoliberista. Uno degli strumenti con cui gli Hatari portano avanti la loro lotta è uno stile provocatorio e sopra le righe. I componenti del gruppo non si identificano con un genere unico, ma come ibridi. Ecco il motivo dietro alle gonne, agli accessori BDSM e al trucco pesante.

Tutto, per gli atari, è provocazione, ed eccesso. Hatari significa proprio “odiatori”, in questo caso del sistema.

La storia della band

 

Gli Hatari nascono nel 2015 a Reykjavík, la capitale dell’Islanda, e in poco tempo raggiungono una discreta fama nel loro paese, partecipando ad importanti festival come il Eistnaflug, il LungA Festival, and il Norðanpaunk, oltre all’Iceland Airwaves.

Ad oggi, il gruppo ha all’attivo un solo disco completo, Neysluvara (uscito nel 2017) e un totale di 4 singoli.

La band ha vissuto un momento di crisi alla fine del 2018, annunciando di volersi sciogliere “per non essere riuscita a sconfiggere il capitalismo”. Gli Hatari torneranno insieme però soltanto un mese dopo, partecipando alla Söngvakeppnin 2019, la competizione con la quale l’Islanda sceglie ogni anno il rappresentante per Eurovision.

Una curiosità. Tutti i membri membri della band sono figli di importanti uomini d’affari. Klemens Nikulásson Hannigan è figlio di un uomo di spicco all’interno degli Affari Esteri islandesi, Matthías è figlio di Haraldur Flosi Tryggvason, proprietario di un importante studio legale islanedese, mentre Einar è figlio di Stefán Haukur Jóhannesson, l’ambasciatore dell’Islanda in Inghilterra.

View this post on Instagram

Misery’s company. On the campaign trail in 2017.

A post shared by HATARI (@hatari_official) on

View this post on Instagram

Encroachment and despotism. On the campaign trail in 2017.

A post shared by HATARI (@hatari_official) on

View this post on Instagram

A line of mistakes. On the campaign trail in 2017.

A post shared by HATARI (@hatari_official) on

View this post on Instagram

Bleak times. On the campaign trail in 2017.

A post shared by HATARI (@hatari_official) on

View this post on Instagram

Subdued by misfortune. On the campaign trail in 2017.

A post shared by HATARI (@hatari_official) on

View this post on Instagram

Leaders in disaster. On the campaign trail in 2017.

A post shared by HATARI (@hatari_official) on

Che ne pensate degli Hatari e della loro Hatrið mun sigra? Fate il tifo per loro a Eurovision 2019?

Articoli Correlati