E' morto Micheal Crichton, narratore della scienza

di admin

Aveva 66 anni ed era uno dei più conosciuti scrittori di thriller fantascientifici: Micheal Crichton si è spento a Los Angeles dopo una lunga battaglia contro il cancro.
Tra i suoi maggiori successi troviamo i romanzi "Sfera", "Mangiatori di morte" e "Timeline", da cui sono stati tratti altrettanti film più o meno famosi, ma soprattutto "Jurassic park"  e "Il mondo perduto", dai quali Spielberg attinse per realizzare i due omonimi film: non c’è bambino o adulto che, vedendo il film, non si sia posto domande sulla reale possibilità di riportare in vita gli animali vissuti milioni di anni fa sulla Terra.

Scienza ed etica
Gli interrogativi su scienza e etica hanno sempre accompagnato la vita di Crichton: dopo essersi laureato in medicina lo scrittore si rese presto conto che il suo futuro non sarebbe stato in una sala operatoria, ma in giro per il mondo, alla ricerca di storie e di possibili scenari futuri da raccontare.
Sarà stata la sclerosi multipla benigna (diagnosticatagli a 25 anni) a scatenare in Micheal il bisogno di interrogarsi sui limiti umani e sui progressi della scienza, che rischiano talvolta di farci tradire la nostra stessa natura, con risultati spaventosi?

Il creatore di E.R.
Micheal Crichton è stato anche il creatore di una delle serie più famose della storia della televisione internazionale: E.R. – medici in prima linea.
Lui ha scritto la sceneggiatura e ha disegnato tutti i personaggi che abbiamo tanto amato, dal pediatra Dr Ross che ha portato fama all’attore George Clooney, al bel dottor Carter interpretato da Noah Wyle.

Crichton ha vissuto un’esistenza avventurosa e ha permesso a tante persone di viaggiare con la fantasia nel mondo che non conosciamo e in quello che ancora non c’è. Chissà cos’altro ha visto del futuro e se mai succederà?

Articoli Correlati