Amici 18: lo sconforto di Alvis: “Basta, voglio stare da solo”

di Giovanna Codella
Alvis

I commenti del giudice di Amici 18, Loredana Bertè, che vi abbiamo raccontato ieri stanno avendo delle forti ripercussioni su Alvis.

Il cantante dei bianchi è davvero preoccupato a voler far bene ma al tempo stesso teme di non farcela. Si paragona agli altri ragazzi ed è convinto di essere l’unico a non saper cantare: “Persino Jefeo, che è un trapper, sa cantare meglio di me”.

Così, quando prova a esercitarsi su Hola di Marco Mengoni ft. Tom Walker fa molta fatica a concentrarsi. Il vocal coach prova a fargliela fare modulando l’autotune, ma il cantante continua a fare molti sforzi e immagina che durante la puntata avverrà lo stesso.

Alvis si sfoga con il professionista riferendo le parole della Bertè che lo ha definito anonimo. Poi aggiunge che lui si sente effettivamente così e sa anche di essere paranoico, sempre concentrato sul dopo e incapace di vivere i momenti migliori. “Qui mi sento piccolo ancora di più, mi vergogno di essere quello che sono, fuori avranno su di me una percezione orribile”.

L’insegnante lo invita a tirare fuori quello che ha dentro, ma il cantante di Amici 18 cede allo sconforto: “Basta, ho bisogno di stare da solo, qui l’unico posto in cui riesco a stare da solo è in bagno”. Alvis rientra in casetta e si tuffa sul letto sconsolato.

Ancora una volta, Ludovica prova ad aiutarlo e gli consiglia di togliersi dalla testa i pensieri futili che in questo momento lo stanno assillando. Alvis spiega che lui, di quella negatività e della sua particolare percezione delle cose,  in realtà ci vive.

E voi cosa ne pensate dell’effetto che il giudizio di Loredana Bertè sta avendo su Alvis?

Articoli Correlati