La prova del cuoco con Elisa Isoardi: perché non funziona? Commento

di Claudia Lisa Moeller

La prova del cuoco in onda dalle 11.30 su RAI 1. Il programma era la creatura e storico programma di Antonella Clerici e lei non aveva mai saputo sperarsene nonostante altre grandi occasioni. Quando infatti la conduttrice aveva dovuto lasciare il programma per la maternità, tra il 2008 e il 2010, aveva preteso di tornare al suo programma.

Elisa Isoardi, all’epoca, era una giovanissima conduttrice che aveva condotto senza troppe polemiche lo show. Al ritorno di Antonella aveva ridato lo show alla legittima (?) proprietaria, ma sembrava che la conduttrice più giovane fosse rimasta delusa dalla mancata conferma. La Isoardi aveva così ottenuto di condurre come palliativo uno show sempre sul cibo, sempre prima di mezzogiorno. Così per anni prima del ritorno a La prova del cuoco, Elisa Isoardi introduceva il programma con la rubrica (dai tanti nomi, ma unica sostanza) Buono a sapersi o Tempo & Denaro o A conti fatti.

Il programma dai tanti nomi era una rubrica sui prodotti locali italiani e dava consigli sull’acquisto e cottura. Doveva lo show scaldare i fornelli e le casalinghe che aspettavano l’arrivo di Antonella Clerici e la sua sfida culinaria. Non era raro che il prodotto spiegato nel primo programma venisse poi usato nella sfida del programma successivo.

Quindi potevate avere la fortuna di ascoltare per due ore (e passa) come si fanno di carciofi, quanto costano da Bari a Milano, come si puliscono e piccole curiosità. Infine la sfida de La prova del cuoco chiudeva la mattina di RAI 1. Antonella Clerici con i suoi ricci e un grembiulino saltellava trai due sfidanti, mangiucchiava e commentava quanto succedeva trai due sfdanti.

Per 18 anni è stata il viso del programma. Simpatica, riccioluta e abbondante sembrava proprio divertirsi a mangiare, commentare ricette nel suo studio e con i suoi ospiti fissi. Un team consolidato e che sapeva parlare alle fasce più anziane di RAI 1, ma non solo. Anna Moroni, per esempio, sembrava proprio la nonna di molti di noi che parla dei cantanti famosi che piacciono alla nipotina e ricorda vari aneddoti mentre cucina in allegria il pranzo per tutti.

Il tutto era la cornice per una delle tante ormai trasmissioni dedicate alla cucina e alle sfide dei cuochi. Quella del “Provo del cuoco” senza isterismi, senza minacce, sena cardiopalma. Una sfida in allegria, dove il premio è la felicità e pienezza dei commensali.

Tutto è andato avanti invariato (più o meno) per anni e anni. All’improvviso poco prima dell’estate 2018 arriva la notizia. Antonella Clerici se ne va (di sua volontà o meno) e arriva la supplente, che non sembra si sia mai rassegnata dall’aver perso la cattedra, Elisa Isoardi. Viene cambiato tutto il cast solito e La prova del cuoco cambia stile.

La sfida rimane, ma la rubrica Tempo & Denaro viene inglobata ne La prova del cuoco che così allunga anche la sua durata. Il programma così diventa lunghissimo. Il senso originale della sfida, della tensione (seppur minima) e la narrazione delle due ricette a confronto si perde. Tanto più che la conduttrice deve ora nella nuova struttura unire due programmi assieme e riempire i tempi. Ora lo show di fatto dura oltre 2 ore, tantissime per una diretta e per un programma di cucina dall’anima così diversa.

In sé non era negativo un cambio di immagine per La prova del cuoco, ma certo le modalità e i sospetti di cosa sia successo dietro le quinte non aiutano la conduttrice. Tanto più che Elisa pare una donna sola al comando di una trasmissione più grande di lei, senza alleati nel suo studio e fuori. Bastino vedere le gaffe di molti suoi ospiti che negli ultimi mesi sembrano abbiano mutamente (e nemmeno troppo velatamente) ammesso l’ammutinamento.

E arriviamo ad Elisa Isoardi. Giovane, carina e parlantina veloce. Perché intestardirsi con un programma che era ovvio avrebbe bruciato la conduttrice che avesse osato spodestare la sua vecchia regina? Lei è un po’ brusca (da anni ormai sente le stesse cose e interrompe i pareri dei consulenti) e parla spesso sopra i propri ospiti. Ripete battute a cui nessuno ride. Partono i jingle comici e lei si sforza di essere una compagnona, ma la sua stessa squadra non la segue. Non la aiuta.

Ride da sola, mangia da sola il piatto da valutare e deve decidere da sola senza aizzare nemmeno un minimo di discussone. Per gran parte della trasmissione è senza grembiule e gira con camicie di seta molto eleganti, ma forse poco adatte per l’unto e la farina. I capelli mori e lunghi sono ribelli e possibilmente non legati e nemmeno vagamente in ordine. Sbuffa, poi, esasperata la conduttrice quando vede preparare per l’ennesima volta il cannolo siciliano.

Nella nuova La prova del cuoco non c’è complicità. Non c’è gioco. Rimane misteriosa la scelta di prendere un ex rugbsta e ora conduttore di trasmissione di giardinaggio per commentare il cibo. L’unico alleato della Isoardi è Andrea Lo Cicero, ma posisbilmente non sono mai in video assieme. Non c’è quell’aria di famiglia che c’era prima. Qui l’unica idea di famiglia trasmessa dallo show è una radunata per discutere l’eredità.

Voto alla nuova La prova del cuoco? 6: forse questa non è proprio la specialità di Elisa Isoardi, conduttrice giovane e pare (ma almeno questa è l’impressione) una donna poco foody e molto più attenta al fisico statuario.

E tu cosa ne pensi di Elisa Isoardi a “La prova del cuoco”?

Articoli Correlati