Pentatonix: recensione, scaletta e foto del magnifico concerto all’Alcatraz di Milano!

di Alberto Muraro

Il talento dei Pentatonix, 5 bravi ragazzi statunitensi, è oltre ogni immaginazione: nati e cresciuti sul web, sono poi esplosi in classifica, agli awards show e al cinema (con una piccola parte in Pitch Perfect 2) grazie a un connubio di voci perfetto, frutto di anni di studio e una lunga gavetta. Il gruppo vocale a cappella più famoso al mondo, per la nostra gioia e quella dei moltissimi fan italiani, è tornato nel nostro paese proprio in questi giorni con un concerto a Roma e uno a Milano, del quale vi parliamo con estremo piacere tramite i commenti del fan club italiano ufficiale, sempre sul pezzo!

A poche ore dal live, ho avuto il piacere di conoscere i 4 fortunati vincitori di un Meet&Greet molto speciale con il gruppo, disponibilissimo a fare foto, stringere la mano ai fan e firmare autografi: erano tutti agitati, ma felici, alcuni avevano fatto ore di viaggio (della speranza! LOL!) per giungere a destinazione, altri sarebbero stati pronti ad essere in coda all’Alcatraz fin dalle 5 di mattina per poter vedere a pochi metri i propri idoli! Difficilmente riuscirò a dimenticare i sorrisi stampati sui loro visi, che fra l’altro potete anche vedere nello scatto qui sotto!

pentatonix meet&greet

 

Il concerto è iniziato a bomba con Cracked, canzone che fin dalle prime note ha fatto capire alla band con che pubblico si trovava a che fare: persino chi era nelle prime file faticava a sentire la voce dei PTX, quasi totalmente sovrastata dalle persone che la cantavano a squarciagola! A questa incredibile accoglienza, i ragazzi hanno risposto con un “Milan, you were so loud“!

Tutto il concerto, nel corso del quale i Pentatonix hanno presentato l’inedito Can’t sleep love e diversi dei loro cavalli di battaglia (Daft Punk su tutte, ma anche Radioactive e Sing, in chiusura) è stato caratterizzato da una continua interazione con i fan presenti nel parterre, particolarmente felici di vedere i loro idoli cimentarsi con almeno una parola in italiano a testa! D’altra parte, ce n’eravamo accorti anche durante il soundcheck del pomeriggio: i Pentatonix sono bravissimi ma non certo lontani e distanti nel loro piedistallo d’artisti, si tratta infatti di cantanti che apprezzano tantissimo il contatto con il pubblico e lo cercano di continuo.

Un live da incorniciare, insomma, siamo onorati di averne fatto parte e di aver fatto avverare il sogno di più di qualcuno dei loro supporters (Andrea, Laura, Veronica e Eleonora), che ringraziamo di cuore per la gentilezza e il calore dimostratoci! Ci vediamo alla prossima, ragazzi?

Qui sotto trovate la scaletta del concerto, date un occhio alla gallery qui sotto, opera del simpaticissimo amministratore di Pentatonix Italia Gianmaria!

C’eravate anche voi al concerto dei Pentatonix all’Alcatraz?

 

Scaletta concerto Pentatonix 19 giugno Alcatraz Milano

Cracked

Na na na

Cheerleader

Can’t sleep love

Evolution of Michael Jackson

Love Yourself/Where are u now

If I ever fall in love

Cello (bach)

Radioactive/Say Papa

Misbehavin’

Water

Christus

Aha!

Daft Punk

Light in the Hallway

Sing

Articoli Correlati